GrooveRecensioniThrash

EXTREMA – Set the world on fire (Ammonia Records – 2005)

Personalmente ho sempre amato gli Extrema. Una passione nata proprio da quel loro mini lp d’esordio dal significativo titolo “We Fuckin’ Care”, il quale, nonostante appartenga alla preistoria e che per molti motivi sembri aver poco a che spartire con gli Extrema di oggi, lasciava tuttavia intravedere già all’epoca le grandi potenzialità a lungo inesplose di questa band. Solo il tempo e la grande determinazione ha dato loro ragione, e dopo aver superato le mille difficoltà di ogni tipo si è giunti a questo “Set The World On Fire”, ultimo tassello che mancava ad una carriera magari discontinua ma portata avanti sempre ad alti livelli ad ogni produzione.

Che dire quindi sul nuovo album? Innanzitutto da segnalare di come il songwriting, sempre aggiornato e dinamico, sia diventato maggiormente “cazzuto” rispetto al precedente “Better Mad…”, riprendendo spunti appena accennati da “Positive Pressure” per l’irruenza e “Tension At The Seams” per la spontaneità e la freschezza di idee, senza tralasciare comunque quel “Better Mad…” in quanto a lezione di maturità.

Riduttivo sarebbe citare solo alcuni dei (grandi) pezzi contenuti nel cd, ma vale comunque riconoscere di quanto sia cresciuta ulteriormente la band in fatto di creatività e professionalità. Che la lunga gavetta sia davvero terminata?

Roberto Pasqua

Valutazione

7.0

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
NewsThrashVideo

KERRY KING: esce il disco di debutto, con un nuovo video online!

Esce per Reigning Phoenix Music “From Hell I Rise”, l’album di debutto solista di Kerry King. Il chitarrista ha condiviso il nuovissimo…
10.0
BlackHeavyRecensioni

DARKTHRONE – It Beckons Us All… (Peaceville Records - 2024)

In sintesi, i 30 e passa anni e 20 e passa dischi che rappresentano la carriera dei Darkthrone vengono per forza di…
9.0
DoomRecensioni

PALLBEARER - Mind Burns Alive (Nuclear Blast - 2024)

Forse è il periodo della mia vita ove aleggia un’aurea di tristezza dovuta a vari trapassi dolorosi. Ma questi Pallbearer, nel loro…

Lascia un commento