HeavyRecensioni

AMNESIA – Digression of mind (Autoprodotto – 2005)

Il 2005 comincia all’insegna di questa recensione per il sottoscritto: partiamo bene! La band thrash fiorentina suona davvero discretamente e propone cinque pezzi del già detto genere, con venature progressive interessanti. La partenza con l’intro “Digression” fa capire che il lavoro è ben prodotto, sfoggiando immediatamente la splendida “To nevermore”, splendida perchè unisce l’energia degli accordi iniziali al riff portante, serrato e veloce.

Le seguenti “Amnesia (part 1)” e “Floating…”, estendono il concetto che questi ragazzi hanno intenzione di creare, unire al thrash delle situazioni progressive, inserendo negli spazi giusti atmosfere tipiche dell’heavy moderno quali partiture pesanti accostate a melodie contrastanti o vocalizzi leggeri su note spedite. Nei pezzi “Amnesia (part 1)” e “Souls in a River”, la vena prog risulta più accentata con il cantante rivolto verso scelte vocali “pulite”, anzichè un timbro più pesante e roco.
Questo disco è interessante come l’artwork di presentazione dello stesso, una buona idea che rispecchia la personalità della band, sempre in cerca di nuove sonorità.

Tracklist

  1. Digression
  2. To Nevermore
  3. AmnesiA (part 1)
  4. Floating…
  5. Souls in a River
    Line Up
  • Amerigo Balatri: vocals, keyboards
  • Fabio Binarelli: guitar
  • Zola: bass
  • Leonardo Serri: drums

Ignis fatuus

Contatti
www.amnesiazone.it

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
HeavyNewsPowerProg

Esce "No One Falls Like a God", debut album degli UDAL CUAIN

La fantascienza, la tragedia shakespeariana, la forza evocativa della natura, il tumulto dei sentimenti e le contraddizioni dell’uomo nella guerra e nella…
10.0
BlackHeavyRecensioni

DARKTHRONE – It Beckons Us All… (Peaceville Records - 2024)

In sintesi, i 30 e passa anni e 20 e passa dischi che rappresentano la carriera dei Darkthrone vengono per forza di…
HeavyNews

HOCCULTA: svelato l'artwork dell'imminente nuovo singolo!

Dagli anni ’80, per festeggiare “il quarantesimo”, gli Hocculta scelgono di riproporre ‘Shout’ dei Tears For Fears e lo fanno col ritorno…

Lascia un commento