DeathRecensioni

ZORA – Experiment n. 1 (Autoprodotto)

AH! Finalmente, era dai tempi dei Cockandballtorture e dei Retch che non mi trovavo a recensire un bel po’ di carne macinata, che noi, addetti ai lavori, chiamiamo brutal death metal. Gli Zora sono un trio calabrese, dedito ad un brutal death senza particolari fronzoli, diretto e d’impatto, cattivo e truculento. Ovviamente, è inutile dirlo, il tema portante delle lyrics è quello canonico della decomposizione. Ma accanto a quella fisica, gli Zora espandono il discorso ad un’altra putrefazione, quella delle menti e della società, dimostrando che il brutal death vuole dire qualcosa e non solo gorgogliare oscenità.

Con l’abbattimento del buon gusto e dei canoni della buona musica, il brutal, nelle sue forme iperviolente, si schiera contro gli stupidi trendismi e i perbenismi fine a se stessi, che sono la vera causa della morte della società e, in linea diretta, della vera e buona musica.\r\nTosto e bastardo. Non vi è altro da dire. Zero riff e ritmiche vomitose.
Stay brutal.

MURNAU

Valutazione

7.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
7.5
HeavyProgRecensioni

JUGLANS REGIA – Neranotte (Loud n’ Proud Records – 2023)

Ritornano i nostrani Juglans Regia! Li avevamo lasciati con “Memorie dal Presente”, un EP del 2019, sempre per la Loud n’ Proud…
DeathNewsShreddingVideo

SADIST: un classico per il trentennale del debut

Il chitarrista dei Sadist, Tommy Talamanca, ha appena pubblicato, tramite Nadir Music, una nuova, personale interpretazione di uno dei classici della band:…
DeathGrindcoreNewsTour

Calabrian Metal Inferno Fest: la quindicesima edizione!

Il 28 dicembre ritorna il Calabrian Metal Inferno Fest!La CMI PRODS è felice di annunciare che, dopo tre anni di stop, ritorna…

Lascia un commento