RecensioniThrash

WARMONGER – Machine on the Warpath (Autoproduzione – 2002)

Ed eccomi qui a recensire una delle band thrash italiane destinate a diventare una delle realtà più interessanti del panorama estremo, insieme con altri gruppi quali Death Mechanism, Vexed, Hellstrom .. Sto parlando appunto dei veneti Warmonger, gruppo nascente dalla fusione dei Warpath e dei deathfreaks dove gli attuali membri dei Warmonger suonavano.

Il cd che ho nelle mie mani è il demo d’esordio autoprodotto. L’attacco sonoro dei Warmonger comincia subito dal primissimo pezzo dal titolo “Thrashing Inc” con un riff veloce e cattivo; è facile capire quali sono le intenzioni di questo gruppo.: distruggere tutto, diffondendo il verbo del thrash metal più puro e intransigente.

Il pezzo in questione è suonato benissimo con una doppia cassa degna di nota, produzione potente e devastante che può ricordare a tratti una particolare venerazione per gli dei degli anni’80. Si passa poi al secondo pezzo “Deathfreaks” che non lascia tregua all’ascoltatore con un coro al fulmicotone che potrebbe ricordare la vecchia scuola europea, su tutte quella tedesca. Il dischetto continua con “Pleasures of fear”, “Satanic nativity” e “Nuclear Destruction” dove è ancora la velocità a farla da padrone, per poi arrivare all’ultima song “the warpath” per l’appunto dove il riff di chitarra iniziale ricorda i Destruction dei tempi d’oro. Davanti a noi abbiamo una band che oltre a scrivere buona musica riesce anche ad inserire nelle proprie canzoni testi degni di significato, cosa molto rara il giorno d’oggi; badate bene comunque che non si tratta delle classiche stronzate diffuse da gruppi come Manowar, Rhapsody e compagnia bella.…

Sicuramente per coloro che cercano qualcosa di nuovo, o comunque per coloro che cercano la raffinatezza musicale alla Dark tranquillity (tanto per intenderci) direi che questo non è un prodotto per loro, invece consiglio vivamente questo disco per tutti coloro che come me vivono per il thrash metal.di chiaro stampo Exodus, Destruction, Exumer… (N.B.: Ricordo che per chi non lo sapesse il gruppo prende il nome da uno storico pezzo dei mitici e ormai sciolti “Whiplash”)

Stiamo parlando comunque di una band dalle forti potenzialità sia artistiche che musicali, che crede in ciò che fa.Aspetto con impazienza qualcosa di nuovo dei Warmonger (è, infatti, previsto a breve un singolo dalla Warlord records), che possa ledere i miei padiglioni auricolari e intanto continuo a consumare nel mio lettore questo demo in compagnia di una cassa di birra. MOSHING VIOLENCE, WITHOUT LICENSE, AS FAST AS WRATH, THRASHING TILL’DEATH!!!!!!!!

Glen

Valutazione

8.0

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
6.5
Alternative MetalNu MetalRecensioni

TEMPLE OF JULY - Kingdom Cult (Red Cat Records – 2023)

Ok, sono in ritardo per questo disco (mea culpa!), ma non potevo non ascoltarlo e presentarlo ai lettori di Raw & Wild!…
7.0
BlackRecensioni

UMBRA NOCTIS - Asylum (Drakkar Productions - 2024)

Gli Umbra Noctis sono una formazione lombarda che in quasi vent’anni di attività ha realizzato tre full-length e qualche altra release come…
8.5
Alternative MetalIndustrialRecensioni

DEATH2PIGS - The beast is yet to come (Musical Break Records - 2024)

I Death2Pigs sono un gruppo nostrano che punta dritto al viscidume generazionale, diciamo mondiale, fatto di potere, di individualismo, della paura del…

Lascia un commento