AORRecensioni

VAGH – Into The Future Zone (Autoprodotto – 2004)

Simpatici, tecnicamente messi bene ma decisamente ripetitivi ed un po’ noiosi.

I Vagh propongono in questo cd, decisamente ben prodotto, un AOR molto canonico intervallato da qualche inserto elettronico, posto a rendere il sound decisamente pacchiano, cotonato e 100% anni ottanta. Ritornellosa fino allo svenimento, questa allegra ensemble nordeuropea risulta una band di classico e stereotipato genere senza alti ne bassi, risultando decisamente ignava da molti punti di vista. Niente da ridire sullo stile e la pulizia di suono veramente corposa e satura ma è una miscela che, a mio parere, non riesce ad esplodere.

MURNAU

CONTATC
www.vagh.net

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
6.5
Alternative MetalNu MetalRecensioni

TEMPLE OF JULY - Kingdom Cult (Red Cat Records – 2023)

Ok, sono in ritardo per questo disco (mea culpa!), ma non potevo non ascoltarlo e presentarlo ai lettori di Raw & Wild!…
7.0
BlackRecensioni

UMBRA NOCTIS - Asylum (Drakkar Productions - 2024)

Gli Umbra Noctis sono una formazione lombarda che in quasi vent’anni di attività ha realizzato tre full-length e qualche altra release come…
8.5
Alternative MetalIndustrialRecensioni

DEATH2PIGS - The beast is yet to come (Musical Break Records - 2024)

I Death2Pigs sono un gruppo nostrano che punta dritto al viscidume generazionale, diciamo mondiale, fatto di potere, di individualismo, della paura del…

Lascia un commento