RecensioniRock

BLINDSIDE – The Great Depression (Autoprodotto – 2005)

Spiazzanti intermezzi in stile rock si affacciano su contorni crossover, con disperati vocalizzi che risultano convincenti e incisivi. I brani ruotano attorno ad un’evoluzione musicale che dal primo all’ultimo brano si evolve verso sonorità sempre più forti. L’artwork si presenta ben congeniato (tuttavia decifrare il nome di un  brano è impresa ardua!) con canzoni prodotte in maniera ottima, rendendo l’idea espressa dai TGD.

Interessanti i collegamenti tra i brani e i tempi diversi posti nelle tracce: la quinta e la sesta traccia includono queste scelte, riuscendo nell’impresa di rendere orecchiabile il brano ma nello stesso tempo incisivo e massiccio.
In Blindside sono presenti accorgimenti tipicamente punk che si trasformano gradualmente in riff duri, stravolgendo un brano cominciato con una certa melodia in un altro con lena diversa. I TGD hanno provato ad essere originali,  giungendo ad un buon livello, con brani come “City Light” dall’arpeggio malinconico e dalle atmosfere puramente rock.

L’ascolto dell’intero lavoro fa capire che la band ha lavorato molto sul sound conciato e super laccato, con tutti gli accorgimenti per fare capolino in questo mercato.

Ignis Fatuus

Contact
www.blindsideonline.com

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
6.5
Alternative MetalNu MetalRecensioni

TEMPLE OF JULY - Kingdom Cult (Red Cat Records – 2023)

Ok, sono in ritardo per questo disco (mea culpa!), ma non potevo non ascoltarlo e presentarlo ai lettori di Raw & Wild!…
7.0
BlackRecensioni

UMBRA NOCTIS - Asylum (Drakkar Productions - 2024)

Gli Umbra Noctis sono una formazione lombarda che in quasi vent’anni di attività ha realizzato tre full-length e qualche altra release come…
8.5
Alternative MetalIndustrialRecensioni

DEATH2PIGS - The beast is yet to come (Musical Break Records - 2024)

I Death2Pigs sono un gruppo nostrano che punta dritto al viscidume generazionale, diciamo mondiale, fatto di potere, di individualismo, della paura del…

Lascia un commento