GrooveRecensioni

BETZEFER – Down Low (Roadrunner Records – 2005)

Nel leggere dal sito ufficiale dei Betzefer che i loro natali sono israeliani, la mia curiosità ha davvero raggiunto picchi esagerati dai quali mi sono scapicollato dopo le prime note della title track di “Down Low” primo full length realizzato su etichetta roadrunner.

Ahime, i ragazzi ci sanno fare, ma uscire dalla “scuola” Pantera – Sepultura a pieni voti non è sempre da considerare un bene. Niente da dire al maestro Max ed al Dio Phil ma i Betzefer ci propongono tutto ciò che i su citati già ci hanno sparato nei padiglioni uditivi da anni, il tutto condito con un sound più moderno. La cosa impressionante è di sicuro la somiglianza vocale tra il cantante dei Betzefer ed il su citato Anselmo specie se ascoltate pezzi come “Down Low”, “Brix” o “Black inside” che, a mio parere, restano i pezzi più significativi dell’album.

Con 10 tracce veloci, pesanti e ben strutturate si conclude l’esame dei Betzefer che se pur fin troppo ispirato resta un bell’esame, piacevole da ascoltare di questi tempi ma che non vale la promozione a pieni voti.

La cosa che mi lascia l’amaro in bocca nell’ascoltare questo cd è che ci sarebbero tutte le carte in regola per qualcosa di nuovo ed un pò più originale considerando il fatto che l’arte l’hanno imparata ma l’hanno messa un po troppo da parte.

Più impegno ragazzi!

Grawl Malcom & Co.

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
6.5
Alternative MetalNu MetalRecensioni

TEMPLE OF JULY - Kingdom Cult (Red Cat Records – 2023)

Ok, sono in ritardo per questo disco (mea culpa!), ma non potevo non ascoltarlo e presentarlo ai lettori di Raw & Wild!…
7.0
BlackRecensioni

UMBRA NOCTIS - Asylum (Drakkar Productions - 2024)

Gli Umbra Noctis sono una formazione lombarda che in quasi vent’anni di attività ha realizzato tre full-length e qualche altra release come…
8.5
Alternative MetalIndustrialRecensioni

DEATH2PIGS - The beast is yet to come (Musical Break Records - 2024)

I Death2Pigs sono un gruppo nostrano che punta dritto al viscidume generazionale, diciamo mondiale, fatto di potere, di individualismo, della paura del…

Lascia un commento