HeavyRecensioni

STEEL FLAMES – Steel Flames (Ace Records – 2022)

Gli Steel Flames, nati nell’autunno 2019, affondano le loro radici nella lunga e ricca storia dell’heavy metal romano, difatti nascono dall’unione degli ex Way Out, Riccardo Di Felice (bassista), Stefano Strizzi (batterista) e Vincenzo Tauriello (chitarrista) con l’ex cantante dei Savers e Rebel Tango, Marco Moretti.
Per un breve tempo, si unì al progetto il chitarrista Giuseppe De Paolo, ex Dragonhammer, il tempo per registrare il singolo “Steel Flames”, uscito a inizio 2021. E nel giugno 2022, dopo una lunga gestazione causa pandemia, esce il loro primo full length omonimo per la Ace Records Roma di Stefano Denni.
La band si è già esibita in diversi locali capitolini (Red rock, Pentatonic, Dissesto cult, Mammut, Metropolis…); hanno aperto nella data organizzata a Tivoli per Trick or Treat, impegnati nel loro tour italiano; si sono inoltre esibiti al Rometal, storico festival della capitale, insieme a Steel Cage e New Disorder e recentemente come opening act per Crying Steel, Tir e Rosae Crucis. Il disco inizia con “Flying Knives”, un tripudio di sonorità heavy metal classiche, che riprendono anche quelle delle band citate, con cui hanno condiviso il palco. “Drop the Blood (in Flight)” è un titolo molto “defender” e il sound non tradisce; un sound roccioso, che non concede tregua, diretto, per scapocciare (passatemi il termine); rispetto al brano iniziale, la voce di Marco mi è sembrata più grezza e adeguata al brano. “Enslaved”, la title-track strizzano un po’ l’occhio ai vecchi cari Virgin Steele. “Lost Identity” è una ballad di vecchia scuola, peccato per gli acuti di Moretti, non sempre all’altezza (ma… de gustibus, ricordatelo sempre!).
Il disco si chiude con un altro brano ruvido e incendiario, “Heart on Fire” – altro titolo da puro defender. Diciamolo, la band suona con passione e spensieratezza la musica con cui è “cresciuta” (e si sente!); il sound è compatto ed efficace, con atmosfere che riportano agli anni d’oro dell’heavy metal (puro e duro). Unico neo, se me lo consentite, sono gli acuti del cantante, che – è vero – ricordano alcune pecche dei cantanti anni ’80, e che in più non sempre sono in grado di stimolare chi ascolta. Dopo lo stop dovuto alla pandemia, la band sta lavorando al prossimo album, perciò… ci aspettiamo di riascoltarli presto; magari con qualche leggera miglioria, che potrà portarli in tour anche fuori dal Lazio. Ve li consiglio, sperando di intercettarli dal vivo: lì sprigionano energia da tutti i pori!


Voto: 6/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/steelflamesband
www.instagram.com/steelflamesband

6.0

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
7.5
Alternative MetalDjentPost RockProgRecensioni

SLEEP TOKEN - Take Me Back To Eden (Spinefarm Records - 2023)

Vi racconto una favola: “C’era una volta… nell’era del metallo avanti Cristo un Tozier alla ricerca della purezza metallica; vagando senza meta,…
DoomHeavyNewsOccult RockTour

THE OSSUARY: Beyond The Grave Tour Spring 2024

La Morrigan Promotion annuncia il ritorno sui palchi degli occult rockers baresi THE OSSUARY per questa primavera con date in Germania, Austria…
7.5
ProgRecensioni

KRISTOFFER GILDENLÖW - Empty (New Joke Music - 2024)

“Empty” è il quinto album solista di Kristoffer Gildenlöw, parzialmente registrato nel 2019 insieme all’album “Homebound”. L’idea era di pubblicare entrambi gli…

Lascia un commento