IntervisteProg

Intervista a KRISTOFFER GILDENLÖW

Ciao Kristoffer e benvenuto su Raw and Wild! Cosa significa per te l’uscita del tuo nuovo album, “Empty”?
Per me, personalmente, significa che posso finalmente “lasciare andare” queste canzoni e farle uscire allo scoperto. Ho iniziato a scrivere alcune di queste canzoni 7-8 anni fa e tutto è stato sospeso a causa della pandemia, quindi sono con me da molto tempo. Mi sentivo davvero come se dovessi togliere queste canzoni dal mio sistema prima di poter iniziare a scrivere nuovo materiale. Quindi ora mi prendo qualche momento per respirare e calmarmi dopo tutto lo stress che sopporti durante l’uscita di un album. E poi penso che sia ora di aprire il rubinetto e iniziare a guardare tutte le altre idee che ho avuto e immagazzinato negli ultimi anni.

Cosa significa il titolo “Empty” e perché hai voluto intitolare così questo album?
In un certo senso è rimasto fedele alla canzone “Empty”, già nel 2019. Il tema e il concetto erano leggermente diversi allora, ma avevo le mie idee. Fissiamo lo spazio vuoto da centinaia di anni, cercando di trovare anche un remoto segno di vita là fuori. Ma sembra piuttosto vuoto, non è vero? E anche con enormi galassie, stelle e sistemi solari… è… per lo più vuoto. L’unico punto di vita che conosciamo è qui, e anche senza di noi, l’universo continuerebbe ad esistere e sarebbe ancora per lo più vuoto.

Quali sono le tue influenze musicali?
Ne ho tante e cerco di intrecciarle nella mia musica e nei miei album. In “Empty” puoi sentire chiaramente le influenze di band e artisti come Pink Floyd, Roger Waters, Mike Oldfield, Dire Straits, Leonard Cohen e altri. Non è che cerco di copiarli in alcun modo. Scrivo ancora le canzoni come le voglio, ma non sto nemmeno cercando di nasconderlo. Più che altro un omaggio, un cenno di “grazie” nella loro direzione.

Quali temi affrontano i testi delle tue canzoni?
Guardano l’umanità da tre diverse prospettive: l’umano come persona, l’umanità nel suo insieme e la specie umana come governanti di questo pianeta. Lotta personale – io e te, la lotta globale – noi e loro e guardare la terra dalla prospettiva di Dio, chiedendosi cosa è andato storto. La meschinità umana ci ha portato sull’orlo dell’esistenza, ma saremo in grado di ribaltare la situazione e salvare noi stessi e il nostro pianeta? L’entità divina si sta chiedendo se ha preso la decisione giusta fin dall’inizio, creandoci e dandoci autocoscienza e libero arbitrio, e se c’è una possibilità di correggere gli errori o di ricominciare da capo.

Parliamo un po’ dell’artwork della copertina più nello specifico, cosa rappresenta e come è collegato alla musica di “Empty”?
Rappresenta il sentimento generale di questo album. Lo scontro tra bianco, nero e rosso – bene, male e coscienza – spirito, terra e cuore… o semplicemente tre bellissimi colori. Forme e forme indistinte in cui puoi trovare tutto e niente. Puoi fissare questa copertina per ore e continuare a vedere cose nuove ed è questo che mi piace. Voglio che l’opera d’arte, così come la musica, siano qualcosa a cui chi guarda possa aggiungere le proprie emozioni e sentimenti. So cosa intendo con l’album, i testi e l’artwork, ma forse significa qualcos’altro per qualcun’altro. Voglio che l’ascoltatore e lo spettatore siano in grado di mantenere questo album molto personale e l’ho già visto accadere, dove le persone interpretano i testi a modo loro. Questo è bello.

Se dovessi convincere un nuovo ascoltatore a scegliere la tua musica e a scoprirla, come proveresti a convincerlo?
Prenditi il ​​​​tuo tempo! Abbassa le luci, blocca tutte le interferenze e siediti e ascolta uno dei miei album. Le cuffie aiutano a superare la stratificazione e i dettagli. E ascoltala. La mia musica non è qualcosa che suoni in sottofondo mentre fai qualcos’altro. Penso che “Empty” potrebbe essere più facile da descrivere rispetto agli album precedenti. Quindi, se ti piacciono i Pink Floyd (“The Wall”, “Wish You Were Here” e forse anche parti di “Dark Side of The Moon”) e i Dire Straits… è probabile che ti potrebbe piacere anche questo album.

Le ultime parole sono tue.
Grazie mille per avermi ospitato. Spero che vi piaccia il mio nuovo album e spero di vedervi tutti on the road.

Joker

Related posts
9.0
ProgRecensioni

SPACEMAN SIR. - The Greater Filter (Autoprodotto – 2024)

Sono passati due anni da “Aftermath”, ottimo esordio di questo ragazzo lucano, che vive e lavora in Inghilterra e che il 12…
MathNewsPost RockProg

La Luminol Records presenta il nuovo singolo dei 3ONVEGA

Luminol Records pubblica “Vostok Mega Drive”, il nuovo singolo dei 3onvega. A distanza di due anni dal debutto “Kolorblocks”, il power trio…
HeavyNewsPowerProg

Esce "No One Falls Like a God", debut album degli UDAL CUAIN

La fantascienza, la tragedia shakespeariana, la forza evocativa della natura, il tumulto dei sentimenti e le contraddizioni dell’uomo nella guerra e nella…

Lascia un commento