HeavyRecensioni

GIRLSCHOOL – Belive (Communique – Frontiers – 2004)

Che delusione! Non ci sono altri termini più benevoli per un giudizio definitivo a questo dischetto che di valore ha solo il logo Girlschool. Eppure le attese per un buon album c’erano eccome, a cominciare dal ritorno di Enid Williams al basso, da quelle ventate fresche di reunion o ritorni che fanno bene ai nostalgici e che più di una volta sono efficaci più di ogni prodotto lanciato dal music business.mah, chiamiamola incomprensione, ma Believe a mio modo di vedere è stato concepito in maniera a dir poco errato e superficiale per le esigenze e la storia passata di questa band.

Purtroppo forse la smania di guardare avanti, oltre i soliti schemi e proporre qualcosa al passo coi tempi ha preso il sopravvento sulle quattro rockers, che oggi giocano a fare il verso al pop rock da classifica con una buona dose di modernismo di dubbio gusto che in questi casi non guasta mai.
L’inizio, quanto mai stentatissimo, è affidato alla doppietta “Come On Up” e “Let’s Get Hard”, due songs dallo stucchevole piglio e che fanno pensare maledettamente alla paura di ciò che ne potrà seguire; fortunatamente, più accettabili riescono le successive “Crazy”, costruita su non originali ma efficaci melodie di facilissima presa e “We All Love To (Rock’n’Roll)”, ovvero il brano che rispolvera il lato più sanguigno del rock firmato Girlschool. Idem dicasi per “New Beginning”, buona per verve, vivace, ruvida e promettente in sede live, mentre con “Never Say Never” si torna ad avere a che fare con quello che per radio oggi spacciano per rock.

Lo spirito punk riaffiora in “Feel Good” e “Yes Mean Yes”, divertenti, ma non tantissimo per le considerazioni finali. Chiudono l’album le accattivanti “Play Around” e “Passion”, che fanno venire quei rimpianti per un lavoro che poteva e doveva essere gestito con più cura e ripeto, meno superficialità.

Roberto Pasqua

Valutazione

5.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
6.5
Alternative MetalNu MetalRecensioni

TEMPLE OF JULY - Kingdom Cult (Red Cat Records – 2023)

Ok, sono in ritardo per questo disco (mea culpa!), ma non potevo non ascoltarlo e presentarlo ai lettori di Raw & Wild!…
7.0
BlackRecensioni

UMBRA NOCTIS - Asylum (Drakkar Productions - 2024)

Gli Umbra Noctis sono una formazione lombarda che in quasi vent’anni di attività ha realizzato tre full-length e qualche altra release come…
DoomHeavyNews

BLACK SABBATH: esce oggi "Anno Domini 1989-1995", il boxset celebrativo dell'era Tony Martin!

La storia dei BLACK SABBATH con i cantanti Ozzy Osbourne e Ronnie James Dio è stata ampiamente documentata nel corso degli anni…

Lascia un commento