BrutalRecensioni

BRODEQUIN – Instruments of Torture (Autoprodotto – 2004)

I Brodequin concludono questa mia lunga carrellata settimanale sulle più depravate realtà brutal. I Brodequin non sono da meno: col simpatico “Instruments of torture”, è proprio il caso di dirlo torturano i loro strumenti e gli ignari ascoltatori con tempi da infarto e voce a la vandino. Dodici brani di pura carneficina degna di un film splatter a’la Clive Baker.

E’ un classico prodotto brutal, simpatico e verminoso nelle lyrics, come vuole la tradizione. La voce è quanto di più vicino ad un gorgheggio di usignolo con forti problemi di stomaco.

Alessandro Nespoli

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
7.5
PunkRecensioniThrash

SFREGIO - Malmignotta (Nadir Music - 2024)

Se volete un album di crossover tra thrash e punk, irriverente nei testi, potente e trascinante, eccovi serviti! “Malmignotta” degli Sfregio rappresenta…
7.5
Alternative MetalDjentPost RockProgRecensioni

SLEEP TOKEN - Take Me Back To Eden (Spinefarm Records - 2023)

Vi racconto una favola: “C’era una volta… nell’era del metallo avanti Cristo un Tozier alla ricerca della purezza metallica; vagando senza meta,…
7.5
ProgRecensioni

KRISTOFFER GILDENLÖW - Empty (New Joke Music - 2024)

“Empty” è il quinto album solista di Kristoffer Gildenlöw, parzialmente registrato nel 2019 insieme all’album “Homebound”. L’idea era di pubblicare entrambi gli…

Lascia un commento