BrutalRecensioni

BRODEQUIN – Instruments of Torture (Autoprodotto – 2004)

I Brodequin concludono questa mia lunga carrellata settimanale sulle più depravate realtà brutal. I Brodequin non sono da meno: col simpatico “Instruments of torture”, è proprio il caso di dirlo torturano i loro strumenti e gli ignari ascoltatori con tempi da infarto e voce a la vandino. Dodici brani di pura carneficina degna di un film splatter a’la Clive Baker.

E’ un classico prodotto brutal, simpatico e verminoso nelle lyrics, come vuole la tradizione. La voce è quanto di più vicino ad un gorgheggio di usignolo con forti problemi di stomaco.

Alessandro Nespoli

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
8.0
DeathRecensioni

GATECREEPER - Dark Superstition (Nuclear Blast - 2024)

Appena parte il fantomatico “play” per una manciata di secondi vi sembrerà di ascoltare un album di una band nord-europea o che…
9.0
DeathRecensioni

CAVALERA - Schizophrenia (Nuclear Blast - 2024)

Ogni album è figlio del proprio tempo, fondamentalmente la musica racconta cambiamenti, sperimentazioni, evoluzioni di stile e anche evoluzioni sociali. Infatti per…
9.0
RecensioniThrash

EXODUS - British Disaster: The Battle of ‘89 (Live at the Astoria) - (Nuclear Blast - 2024)

Una delle band esponenti del thrash Metal più belle di sempre, gli Exodus. Malvagi, rabbiosi e provocatori, venuti fuori con il loro…

Lascia un commento