ProgRecensioni

AHRIMAN – Portrait of Sounds (Autoprodotto – 2001)

Questa seconda release del quartetto di Leveranno (Le) non può essere recensita ascoltandola velocemente. Fra decine di altri cd e demos… meriterebbe molti e calmi ascolti.
Di primo acchito, si tratta di un cd difficile e complesso: pieno cambi di tempo progressiveggianti, ma non mi ricordano le bands prog metal, no!

Mi ricordano più una band metal con venature di rock progressivo (la cosa può sembrare simile, ma, vi assicuro, non lo è). C’è però, come già rilevato per gli Airhead, una mancanza di “profondità” sonora, forse dovuta ad una registrazione buona si, ma forse poco adatta al genere. La bravura della band è innegabile. Gli Ahriman sono una band di cultura e carisma superiore, peccato per l’allontanamento di Alessandro Dell’Anna, il suo guitarworking è fantastico!

Questo cd è come un fiore, va sfogliato e l’essenza del suo profumo non può (n’è deve) essere colta subito, superficialmente.

BF

Valutazione

7.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
7.5
Alternative MetalDjentPost RockProgRecensioni

SLEEP TOKEN - Take Me Back To Eden (Spinefarm Records - 2023)

Vi racconto una favola: “C’era una volta… nell’era del metallo avanti Cristo un Tozier alla ricerca della purezza metallica; vagando senza meta,…
7.5
ProgRecensioni

KRISTOFFER GILDENLÖW - Empty (New Joke Music - 2024)

“Empty” è il quinto album solista di Kristoffer Gildenlöw, parzialmente registrato nel 2019 insieme all’album “Homebound”. L’idea era di pubblicare entrambi gli…
7.5
DeathRecensioni

MEGHISTOS - The Reasons (Buil2Kill Records - 2024)

Meghistos è un artista a tutto tondo italiano. Polistrumentista, unico compositore e “quasi” unico esecutore di questo “The Reasons” (in quanto ha…

Lascia un commento