HeavyRecensioni

MANOWAR – Gods of War (Magic Circle Music /SPV – 2007)

Dopo l’ottimo “Warriors of the world”, album veloce, epico ed indubbiamente Manowar, ecco arrivare questo “Gods of War”. I nostri da guerrieri si sono autoelevati a dei della guerra, e perciò è logico aspettarsi da quest’album qualcosa di assolutamente perfetto.

Perfetto, sì. L’ultimo album dei Manowar, oltre ad esser esattamente uguale ai suoi predecessori, cosa che comunque non è una novità ma che fa amare la band in maniera sviscerata, è davvero privo di mordente e di carica. Mi spiace dar giù ad uno dei miei gruppi preferiti di sempre, ma è la sacrosanta verità. Vedete, il disco non è brutto ma è molto e dico molto moscio… Hanno riunciato alle furiose cavalcate in stile “Fight until we die” per dar spazio a inni epici e solenni. La cosa non dispiace se ci sono un paio di songs così, ma farci un album sano… Il problema poi è che suddetti inni si somigliano un po’ tutti e difficilmente lasciano il segno… Cosa ancor più antipatica è la decisione di inserire parti recitate di sola voce tra una song e l’altra, come fecero i Guardiani Ciechi in quel capolavoro intitolato “Nightfall in Middle-Earth”. Ma almeno i Guardian hanno pubblicato la bellezza di 22 brani in quel cd!!!

Il disco scorre lentamente e la presenza di ottime songs come la già conosciuta “King of Kings” o “Sons of Odin” non riescono a trascinare l’album fuori dall’alone della sufficienza.
Ottima è la title track, che ci ricorda da vicino i tempi di “Into glory ride”,così come “Locki god of fire” (se si evita di ricordare che la parte di voce iniziale è praticamente uguale a quella di “Outlaw”), ma anche in questi buoni episodi si avverte il senso di moscezza di cui sopra. Sono d’accordo ad esaltare il lato epico della musica manowariana, ma non a rendere tutto troppo solenne e ripetitivo. Poi ci mette pure Scott Columbus, che in tutto il disco fa sì e no 3 passaggi ed il gioco e fatto.

Buona come sempre la prova di Karl Logan così come ottima è quella di Eric Adams, ma il tutto rimane imprigionato nella poca dinamicità delle canzoni. Troppa staticità è il problema imperante che affligge tutte le composizioni. Epico non vuol dire statico. Se ricordate, i Virgin Steele di “Invictus” erano “schifosamente” epici ma tutto si può dire a quell’album eccetto che fosse moscio o ripetitivo.

Mi duole ammetterlo, ma questo “Gods of War” rappresenta secondo me un mezzo passo falso per i Manowar, che stanno impegnandosi sempre più nell’aspetto esteriore, con moto, camion, dvd, t-shirt ed altro, dimenticando che prima di tutto sono una band musicale. La loro musica sta risentendo del passar degli anni o semplicemente si limitano a fare il loro compitino senza provare a dare qualcosa in piu? Se poi si pensa che ci vogliono 4-5 anni per ogni disco nuovo un po’ le palle girano.

BF

Contact
https://manowar.com
https://www.facebook.com/manowar

Valutazione

7.0

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
7.5
DeathGothicRecensioniThrash

September Damage - Perception Of Reality (Autoprodotto - 2022)

I September Damage sono una band proveniente da Imola, portati avanti dal 2009 dal membro fondatore Devid Rugiero (chitarra e voce). Tutti…
HeavyNews

MAMMOTH WVH pubblica l’edizione deluxe digitale dell’album di debutto l’11 novembre su EX1 Records

PREORDINI:https://found.ee/MammothWVHDeluxe Mammoth WVH/Wolfgang Van Halen (Photo Credit: Bryan Beasley)Il primo brano inedito “Talk & Walk” è disponibile qui:https://found.ee/TalkWalk Sono passati solo quindici…
HeavyNews

BANGOUT: dettagli sul nuovo album "Paradise '99"

La band hard rock romana dei BangOut pubblicherà il nuovo album “Paradise ‘99” il 29 settembre via Time to Kill Records. “Questo…

Lascia un commento