DeathIntervisteTechno Death

Intervista STEVE DI GIORGIO e JON ALLEN dei SADUS

La prima domanda vorrei rivolgerla a Jon.

Tempo fa abbiamo saputo dello stato di salute poco felice della tua bambina, come sta tua figlia adesso?
Jon: Oh bene, ora sta molto meglio!

Come hai passato quel periodo?

Jon: Beh, come gruppo, non abbiamo fatto quasi niente per un anno intero. Dovevamo attendere che le cose migliorassero per lei, quindi abbiamo dovuto mettere da parte la musica per un pò. Ora che tutto va bene, possiamo riprendere a suonare.

Bene, penso che questo stop sia stato importante.

Jon: Si, la famiglia è sempre più importante!

Allora Steve, cosa pensi di questo tour con i Sadus e quali sono i progetti futuri per la band?

Steve: Si, stiamo facendo questo tour di due settimane, poi torneremo a casa e finiremo i nuovi pezzi. Registreremo in estate e per la fine dell’anno, torneremo “on the road” per una tournè a promuovere l’album, così, speriamo di essere impegnati per tutto l’anno.

Cosa pensi che i fans possano dire del fatto che ora, cioè dai tempi di “Elements Of Anger”, usate samplers e keyboards nelle vostre nuove songs?

Steve: Non so cosa possano pensare, semplicemente un approccio diverso nei confronti della musica, qualcosa di diverso da ascoltatore. Abbiamo deciso di aggiungere synths alla musica, come effetti alla chitarra, ed è stato come fare un esperimento per noi, tutto qui, penso che i veri fans ci seguano comunque.

Diverse bands che, possiamo dire sono al vostro stesso livello, hanno raggiunto più successo di voi. Che motivo secondo te ci può essere dietro a questi non molti riconoscimenti?

Steve: Non perdo tempo a pensarci, non siamo una band a tempo pieno, abbiamo lavoro e famiglia. Suonare è un hobby per noi, non facciamo caso a ciò che accade nel resto del mondo. Non c’è competizione tra noi e le altre bands. Suoniamo per divertirci, non guardiamo alle altre bans e a cosa fanno, sta ai fans decidere cosa piace.

Tra tutte le collaborazioni fatte in passato, quale ritieni sia la più significativa per te?

Steve: Credo tutte, è difficile sceglierne una poichè ogni volta ho fatto cose diverse, quindi le preferisco tutte per diverse ragioni.

Un’ultima domanda, cosa pensate di questo tour in italia?

Jon: Oh, è tutto così divertente, la gente sembra aver aspettato a lungo vederci suonare, grandioso!

Roberto Pasqua & Maddy Pink

Related posts
DeathNews

OLAMOT: il progetto extreme metal italiano annuncia il debut album "Path of Divinity"

Il progetto extreme metal italiano OLAMOT pubblicherà il suo primo full-length album, “Path of Divinity”, il 29 aprile 2024 su Lethal Scissor…
7.5
DeathRecensioni

MEGHISTOS - The Reasons (Buil2Kill Records - 2024)

Meghistos è un artista a tutto tondo italiano. Polistrumentista, unico compositore e “quasi” unico esecutore di questo “The Reasons” (in quanto ha…
DeathNews

VOLTUMNA: svelano “Vanth”, il nuovo singolo estratto dal nuovo EP “For Death Is Fate”

Esce oggi “For Death Is Fate” il nuovo EP dei VOLTUMNA e in contemporanea viene pubblicato il visualizer del brano “Vanth”. Queste…

Lascia un commento