BlackRecensioni

COLD FIRE – Stain of Blood (Autoprodotto – 2005)

Ormai di questi lavori ne giungono a frotte in redazione. Completamente senza mordente e ripetitivo, mette in risalto le idee di Icy heart, che suona completamente tutti gli strumenti che si ascoltano attraverso una produzione approssimativa.
Per quanto le idee si accostino molto al genere black metal cercando sprazzi di originalità, le canzoni danno la noia dopo l’ascolto, già delle prime “There is a Tainted Smile”, “Knife” e “Sub-Human”. “Hulks”, “Cold Summer” e “Impaled in the Forest With the full moon in the Sky” non cambiano certo la scia di queste note mescolate senza nessuna geometria.

Chiudono “Transilvanian Hunger” (Darkthrone cover) e la titletrack, unici momenti discreti di un disco povero di contenuti. Poco interessante e molto rumore.

Ignis fatuus

Valutazione

6.0

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
10.0
BlackHeavyRecensioni

DARKTHRONE – It Beckons Us All… (Peaceville Records - 2024)

In sintesi, i 30 e passa anni e 20 e passa dischi che rappresentano la carriera dei Darkthrone vengono per forza di…
9.0
DoomRecensioni

PALLBEARER - Mind Burns Alive (Nuclear Blast - 2024)

Forse è il periodo della mia vita ove aleggia un’aurea di tristezza dovuta a vari trapassi dolorosi. Ma questi Pallbearer, nel loro…
BlackNews

Nuovo singolo per i blacksters STORMCROW

Come annunciato nelle scorse settimane, i black metaller italiani STORMCROW pubblicheranno il loro terzo album, “Path to Ascension”, il 31 maggio 2024…

Lascia un commento