IntervisteThrash

Intervista agli HOLY MOSES

Ciao Sabrina, è un piacere scambiare quattro chiacchiere con te. Il progetto Holy Moses nasce nel lontano 1979 ad opera di tuo fratello Andy e, dopo un lungo periodo di inattività, ritieni che il vostro thrash metal possa dare un ulteriore scossone (dopo il ritorno di Destruction, Artillery, ecc.) in una scena musicale, oggi molto diversa da come lo era negli anni ’80?

Si, c’è stato un silenzio durato circa 6 anni con gli Holy Moses, dal 1994 al 2000, ma il bello è che noi diamo sempre un nuovo scossone all’audience, perchè il nostro genere di thrash è pesante, intensivo e potente con la mia voce ultra brutale. Poi, personalmente per quel che mi riguarda, noi seguiamo la nostra strada non curandoci molto di ciò che accade attorno.

Abbiamo assistito ad un furente ritorno del thrash metal tedesco (Sodom, Kreator, Destruction e Tankard). Secondo te la Germania si conferma paese che non si lascia facilmente influenzare dai trends del momento, oppure no?

Devo proprio dire che non penso molto a tutte queste cose. Ho fatto sempre la mia musica, in questi sei anni nel frattempo ho cantato nei Temple Of Absurd, mentre anche Sodom, Destruction, Kreator e Tankard hanno fatto i loro albums ma anche altre bands esistono. Penso che la Germania sia anche influenzata dai nuovi trends, ma i gruppi nati negli anni ’80 ci sono ancora. Non ne vedo un problema.

Com’è cambiato il tuo “modo” di fare musica dagli esordi ad oggi, dopo questi ultimi anni travagliati dai tuoi gravi problemi di salute?

Si può dire che tutto è rimasto come sempre; trasferisco in essa tutte le sensazioni che ho nella mia anima e nel mio cuore. Durante il periodo dei miei problemi di salute, penso di aver scritto le mie migliori canzoni di sempre.

Quindi diciamo che anche lo spirito con cui oggi vai “on stage” è lo stesso come in passato…

Decisamente si! Suonare dal vivo e stare sul palco mi dà sempre molta energia, e credo che a questo punto debba anche recuperarla!

Possiamo considerare “Disorder Of The Order” una sorta di concept album?

Ha ha ha, si e no. il concept è la mia vita in questo mondo, il “disordine e l’ordine” che si susseguono continuamente.

Quali sono le tue “dark futurist visions”?

Guarda come stanno andando le cose nel mondo, se leggi i miei testi e il fumetto nel booklet, essi descrivono in pieno le mie visioni. Chi è Mr. Bush, chi sono gli Stati Uniti, chi è Bin Laden, chi è Saddam, chi ha realmente attaccato le Twin Towers e qual’è la vera ragione di tutto ciò, un attacco diretto agli U.S.A. per dare motivo ad una guerra in tutto il mondo, qualcosa come The New Machine Of Liechtenstein. In tutti questi anni ho sempre scritto su questo genere di argomenti, fornendo degli input ai miei fans: non una storia “diretta” ma una sorta di visione, presagio.

Secondo te c’è ancora una buona parte di audience interessata a tematiche legate a problemi sociali?

Non saprei, l’ho sempre fatto per le mie canzoni. Sarebbe bello sapere che la gente fosse interessata a ciò, ma d’altra parte so che quello che più importa è la musica.

Da “The New Machine Of Liechtenstein” a “Disorder Of The Order”, c’è anche il ritorno del vostro fumetto (non più disegnato da Rainer Laws…) nel booklet. Ma hai una particolare passione per i fumetti in genre?

Non sono del tutto una fanatica dei fumetti, ma nella mia musica mi piace esprimere le mie parole con immagini.

Per agevolare coloro che vi hanno da poco scoperto, potranno essere pubblicate le ristampe dei vostri primi albums?

Questa è veramente una bella domanda, perchè diversi fans mi stanno scrivendo proprio su questo: posso dire a tutti che sto lavorando ora in questa direzione, cioè poter ristampare tutto il vecchio materiale.

Crea ancora stupore tra la gente, il fatto che tu sia una “female-singer” di una thrash metal band?

Mah, sono nel gruppo dal 1981 e ormai a tutto questo ci ho fatto l’abitudine. In effetti non so cosa la gente intorno stia pensando di questo…ha ha ha!

Hai qualche aneddoto curioso da raccontare a riguardo?

Oh, direi… mi diverto veramente nel scioccare i fonici ai festivals durante il soundcheck con la mia voce e molti di loro non si aspettano di certo una tale voce da me.

Cosa provi quando pensi che sei una delle pochissime cantanti-donna che fa questo genere musicale?

Sono orgogliosa di essere stata la prima… ha ha ha

Nonostante gli anni passino, conservi sempre molto fascino, complimenti!

Oh, grazie mille! SEX, NO DRUGS & ROCK’N’ROLL KEEPS ME ALIVE… ha ha ha

In conclusione, tirando le somme del vostro “primo” tour.

Beh, è stato veramente grande tornare a suonare come headliner nel tour europeo in molti piccoli clubs, ed è un qualcosa di cui ne sentivo proprio il bisogno. Sono felice che parteciperemo ancora un pò ad altri piccoli festivals qui in Europa, dopoché, ci prepareremo per andare in studio dato che al momento stiamo scrivendo il nuovo materiale; inoltre so per sicuro che andremo in Brasile per l’imminente futuro.

Roberto Pasqua

Related posts
9.0
RecensioniThrash

EXODUS - British Disaster: The Battle of ‘89 (Live at the Astoria) - (Nuclear Blast - 2024)

Una delle band esponenti del thrash Metal più belle di sempre, gli Exodus. Malvagi, rabbiosi e provocatori, venuti fuori con il loro…
7.5
GrooveRecensioniThrash

BLACK PROPAGANDA - Modern Prometheus (Nadir Music - 2024)

A secco da circa dieci anni, ma comunque attivi nel circuito live, i torinesi Black Propaganda riprendono la loro marcia discografica con…
NewsThrashVideo

KERRY KING: esce il disco di debutto, con un nuovo video online!

Esce per Reigning Phoenix Music “From Hell I Rise”, l’album di debutto solista di Kerry King. Il chitarrista ha condiviso il nuovissimo…

Lascia un commento