HeavyIntervistePowerShreddingSymphonic Metal

Intervista a GABRIELS

Per chi segue Raw & Wild, Gabriele Gabriels Crisafulli è decisamente una presenza ricorrente, data la sua fervente attività nel panorama neoclassico e symphonic metal di casa nostra. Ecco perché, dopo aver recensito il suo nuovissimo “Dragonblood”, il nostro Joker lo ha raggiunto per approfondire alcuni aspetti della musica del virtuoso tastierista…

Ciao e benvenuto su Raw and Wild! Ci vuoi parlare del concept lirico del nuovo album “Dragonblood (Damned Melodies)”?
Ciao ragazzi ma certo, questa volta mi sono preso una pausa dalla saga di Hokuto e mi sono concesso a Dracula. Sì, lo so… è un tema ricorrente, ma era una idea che avevo in mente già da parecchi anni e messa nel cassetto… prima o poi avrei dovuto uscirla fuori ed eccola qui. Le scene si riferiscono sia allo storico film del 1992 sia ai giochi per PC usciti nei primi anni 2000.

Quanto è complicato fare un disco con un numero importante di ospiti? E quanto in questa scelta hanno rappresentato un modello progetti come Avantasia e simili?
ah tocchi un tasto davvero nevralgico…è mooolto complicato e stancante avere molti ospiti da un lato ma è anche vero che la soddisfazione è molta di più. Le complicazioni sono delle più disparate a partire dalla lontananza e finire ai problemi relativi al mixaggio, ma noi italiani siamo forti e dobbiamo tenere il passo con i colleghi stranieri. Sicuramente i modelli hanno avuto un gran peso e ispirazione, sì.

Credi siano importanti le tue influenze musicali sul tuo modo di comporre? E quali sono nello specifico?
Direi di sì… noi tutti siamo sempre il risultato di quello che abbiamo studiato, ascoltato nel corso della nostra vita, nello specifico direi primo su tutti il mio idolo Yngwie Malmsteen e poi non posso non citare alcuni autori della musica classica come Chopin, Liszt, Bach, Beethoven, Mozart e Czerny.

Non ho potuto fare a meno di soffermarmi sulla tua versione di un paio di classici di Malmsteen. Che ne pensi del virtuoso svedese? Lo chiedo perché è innegabile come i suoi primi dischi abbiano avuto un’importanza fondamentale per lo sviluppo di un certo tipo di metal…
Eh… non posso che essere d’accordo con te: ha inventato un genere, ha inventato il modo di suonare la chitarra come un violino, ha inventato un tipo di tecnica con chitarra messa a punto in un certo modo. Il contributo è innegabile e anche se non sono un chitarrista è diventato il mio idolo. Poi certo meglio sorvolare sui suoi ultimi dischi che come tanti non reputo all’altezza di quelli usciti fino a fine anni ’90.

Stai già lavorando a della nuova musica?
Ma certo, il prossimo disco è già tutto composto e ho già registrato le mie parti. Sarà il quarto atto di “Fist of the seven stars” e sarà intitolato “Five Forces”. Continuano quindi le emozioni della saga di Hokuto.

Come credi che si evolverà in futuro il tuo sound?
Mmm, molti dicono che ultimamente sono più orientato verso il sound degli anni ’80 e io credo sia vero. Sono cresciuto in quegli anni, quindi credo sia forse naturale anche se per alcuni può sembrare ormai superato. Viviamo in un periodo dove non c’è più la hit, ci avete fatto caso? Allora io vorrei tanto fare una canzone, solo una, che tutti potessero ricordare e ricordarmi per quella.

Con chi vorresti dividere il palco almeno una volta nella tua vita?
Eh beh, posso dire con Malmsteen? L’ho già condiviso con Mark Boals e quindi sarebbe il massimo per me.

A te le ultime parole!
Che dire… grazie mille dello spazio e un ringraziamento a tutti quelli che mi supportano… solo così possiamo continuare a regalarvi la nostra musica. Non scaricate la nostra musica in maniera illecita ma comprate, comprate, comprate, GRAZIE.

Joker

Related posts
HeavyNewsRockVideo

SIRGAUS: online il video del brano "Indomita Arte"

Online il video di “Indomita Arte”, tratto dall’opera rock “L’Anguana e la Gemma del Mare Ancestrale” della band Sirgaus. La leggenda narra…
7.5
HeavyNewsProg

STARGENESIS - Distress Call From Earth - (Autoprodotto - 2023)

Il progressive metal gode di ottima salute anche in Italia, a giudicare da quanto sta uscendo ultimamente e soprattutto a giudicare da…
NewsPowerSymphonic Metal

Gli HOLY SHIRE firmano per Ghost Record!

Gli Holy Shire entrano nel roster della Ghost Record per la promozione e distribuzione del nuovo album che attualmente è in fase…

Lascia un commento