Recensioni

EMILY – Anni di piombo (Autoprodotto – 2006)

Bene bene! Ma che bravi questi Emily, band nostrana proveniente della liguria, e più precisamente da Rapallo… hanno proprio saputo cogliere il giusto equilibrio tra ciò che intendo io come “musica popolare colta”e hard rock.

Attivi dal 1996, gli Emily sono una di quelle poche banche che, cantando in italiano, sanno coinvolgere l’ascoltatore (ad esempio il sottoscritto) fin dal primo ascolto, creando delle emozioni che solo pochi grandi musicisti sanno dare; tra questi voglio annoverare due nomi che hanno fatto la storia della musica italiana: Fabrizio De Andrè ma soprattutto i Nomadi. Ora capirete quindi cosa volevo intendere per musica popolare colta; una musica, appunto, che, pur adattando un certo tipo di strumenti e di stilemi che sono di chiara derivazione folk, associa testi abbastanza intricati nei loro significati, adottando il più delle volte metafore ed aforismi che nascondono allusioni al mondo che ci circonda. Tra i brani che più mi hanno coinvolto e che hanno rispecchiato tutto il mio modo di intendere che fino ad ora ho detto, posso annoverare “quella che fa così”, “Tina”, “Sante Caserio” e “superba incatenata”.

Ma gli Emily non sono solo questo, infatti, oltre ad esserci chiari pezzi di derivazione folk, in questo “anni di piombe” vi si possono ascoltare brani piuttosto violenti e grintosi che , a mio parere non possono essere associati a nessun genere o categoria rock, come spesso si fa oggi. Essi difatti spaziano dal crossover, all’haevy metal più classico fino ad arrivare a momenti in cui si sentono udire riff di chitarra di chiare influenze trash metal vecchia scuola (vedi i brani “più”, “il buio non è assenza”, “negare”, “il piacere è tutto mio”, “verme di vino”).

In definitiva, posso dire che ascoltare gli Emily, per me è stato proprio un piacere ed anche una sorpresa, in quanto non mi sarei mai aspettato che ancora alcune band potessero proporre un genere di musica come questo. Bravi musicisti, bravi compositori…spero solo che gli Emily continuino ad intraprendere tale strada che, a mio parere, fino ad adesso stanno percorrendo molto bene.

Rocco Soldo

Valutazione

8.0

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
8.5
BlackRecensioni

HOULE - Houle - (Les Acteurs de l’Ombre Productions - 2022)

Meno di trenta minuti per “Houle” dei francesi Houle. Il mare e i suoi suoni si palesano con “Le Continent”, come già…
8.0
BlackDoomHorrorRecensioni

DAMNATION GALLERY - Enter the Fog (Black Tears - 2022)

Adoro John Carpenter: tutti i suoi film per me sono dei capolavori, anche quello più criticato o che ha avuto meno successo……
7.5
AORHard RockRecensioni

LACE - On Your Way - (Nadir Music - 2023)

Esce per Nadir Music il primo vagito discografico del cantante Davide Merletto (vedi anche Daedalus e Planethard), che però preferisce non usare…

Lascia un commento