ProgRecensioni

AHRIMAN – Oblivion (Autoprodotto – 2005)

Questi musicisti pieni di talento suonano un ottimo power-prog. Peccato che le idee, a parte la seconda traccia “Soul’s Fragment” siano un pò ossessionate dal cambio di tempo e dallo sforzarsi a trovare delle melodie. Pezzi come “Blindness” e “Day of the South” hanno parti molto originali ma, dopo qualche ascolto, risultano poco incisive e a volte ridondanti. “The Elect” sottolinea la vena più progressive della band e mescola al suo interno energia e incisività.

Gli Ahriman cercano di definire il loro stile in ogni traccia tramite l’unione della tenacità, melodia e tecnica, riuscendoci solo in parte; quando si riascoltano i brani non resta molto nella mente dell’ascoltatore. Il loro punto forte è il bagaglio nella composizione tecnica dei loro pezzi sicuramente di maturità superiore alle band power-prog che girano nell’underground italiano ma in contrapposizione a questo, hanno da lavorare sull’incisività dei loro brani.

Ignis fatuus

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
6.5
Alternative MetalNu MetalRecensioni

TEMPLE OF JULY - Kingdom Cult (Red Cat Records – 2023)

Ok, sono in ritardo per questo disco (mea culpa!), ma non potevo non ascoltarlo e presentarlo ai lettori di Raw & Wild!…
7.0
BlackRecensioni

UMBRA NOCTIS - Asylum (Drakkar Productions - 2024)

Gli Umbra Noctis sono una formazione lombarda che in quasi vent’anni di attività ha realizzato tre full-length e qualche altra release come…
8.5
Alternative MetalIndustrialRecensioni

DEATH2PIGS - The beast is yet to come (Musical Break Records - 2024)

I Death2Pigs sono un gruppo nostrano che punta dritto al viscidume generazionale, diciamo mondiale, fatto di potere, di individualismo, della paura del…

Lascia un commento