ProgRecensioni

AHRIMAN – Oblivion (Autoprodotto – 2005)

Questi musicisti pieni di talento suonano un ottimo power-prog. Peccato che le idee, a parte la seconda traccia “Soul’s Fragment” siano un pò ossessionate dal cambio di tempo e dallo sforzarsi a trovare delle melodie. Pezzi come “Blindness” e “Day of the South” hanno parti molto originali ma, dopo qualche ascolto, risultano poco incisive e a volte ridondanti. “The Elect” sottolinea la vena più progressive della band e mescola al suo interno energia e incisività.

Gli Ahriman cercano di definire il loro stile in ogni traccia tramite l’unione della tenacità, melodia e tecnica, riuscendoci solo in parte; quando si riascoltano i brani non resta molto nella mente dell’ascoltatore. Il loro punto forte è il bagaglio nella composizione tecnica dei loro pezzi sicuramente di maturità superiore alle band power-prog che girano nell’underground italiano ma in contrapposizione a questo, hanno da lavorare sull’incisività dei loro brani.

Ignis fatuus

Valutazione

6.5

Voto

Pros

  • +

Cons

  • -
Related posts
7.5
PunkRecensioniThrash

SFREGIO - Malmignotta (Nadir Music - 2024)

Se volete un album di crossover tra thrash e punk, irriverente nei testi, potente e trascinante, eccovi serviti! “Malmignotta” degli Sfregio rappresenta…
7.5
Alternative MetalDjentPost RockProgRecensioni

SLEEP TOKEN - Take Me Back To Eden (Spinefarm Records - 2023)

Vi racconto una favola: “C’era una volta… nell’era del metallo avanti Cristo un Tozier alla ricerca della purezza metallica; vagando senza meta,…
7.5
ProgRecensioni

KRISTOFFER GILDENLÖW - Empty (New Joke Music - 2024)

“Empty” è il quinto album solista di Kristoffer Gildenlöw, parzialmente registrato nel 2019 insieme all’album “Homebound”. L’idea era di pubblicare entrambi gli…

Lascia un commento