Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Õ - - '






Speciale Supreme Chaos Records (Germania)
La superiorità della scena metal tedesca? Semplice hanno molte etichette capaci di fare mercato e ne sorgono di nuove ogni anno. La Supreme Chaos Records, ad esempio, ha iniziato la propria attività quest’anno e si sta contraddistinguendo per la valenza delle scelte operate. Cioè delle band da mettere sotto contrato.


- Subconscious “All Things are Equal in Death”
Anche se sono in attività dal lontano 1990 i Subconscious si possono considerare un gruppo all’esordio in quanto il resto della loro discografia è interamente autoprodotta. “All Things are Equal in Death” è un buon esempio di death metal tecnico moderno e ben suonato. Qua e la interessanti intarsi di thrash e progressive metal capaci di aprire ulteriormente il sound dei Subconscious. Fra l’altro il gruppo ha aperto per i Sepultura e ospita in veste di guest membri o ex-membri di Rage, Saxophon, Jagga Bites Combo, Rawhead Rexx e Letter X. Un gruppo serio.


- Agrypnie “Exit”
Gli Agrypnie sono il nuovo gruppo dell’ex cantante degli oramai sciolti Nocte Obducta. Questo nuovo gruppo non rinnega nulla del precedente gruppo, anzi ne perfeziona il sound. Infatti, i Nocte Obducta suonavano un black metal molto innovativo. Cosa che gli Agrypnie ripropongono e amplificando tale trademark. L’album molto lungo (ben 61 minuti) si dipana fra sensazioni atmosferiche e pattern innovativi. “Exit” è decisamente un album che non segue i trend e cerca di proporre qualcosa di alternativo e personale. Il gruppo aveva realizzato uno slit con i Fated nel 2005 e un primo album nel 2006.


- Mourning Rise “5 ways to Illuminate Silence”
Chi li capisce questi Mourning Rise… Fanno di tutto per confondere l’ascolatore… L’album inizia e ci pare di sentire l’ennesimo “splatter” death metal. Ma all’improvviso ci si ferma è inizia un fraseggio funk. E non finisce qui… C’è spazio per il pop acustico, il brit pop, il rock semplice e l’industrial. Che mal di testa. Eppure, nonostante questa pletora di sound, i Mourning Rise colpiscono il segno e realizzano un album al di fuori di ogni logica. Poi prendete il fatto che l’album sembra la colonna sonora di un film…e avrete il quadro completo della situazione.

Per conoscere di più la Supreme Chaos Records (ossia SCR) digitate www.s-c-r.de

emanuele gnetile

<<< indietro


   
Immolation
"Atonement"
Blue Hour Ghosts
"Blue Hour Ghosts"
Devilís Hound
"Depressive Letters"
Frode Hovdís Aldaria
"Land Of Light"
Battle Beast
"Bringer Of Pain"
Virgin Steele
"Visions of Eden"
Overkill
"The Grinding Wheel"
Virgo
"Virgo"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild