Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '






Speciale No Colours Records (Germania)

La No Colours Records è forse l’etichetta black metal per antonomasia in Europa. Le sue release raggiungono presto lo status di culto fra gli appassionati del genere. Ma quanto a capacità promozionale latita non poco. Infatti non inviano mai biografie costringendo il malcapitato recensore a fare salti impressionanti per scrivere una recensione appena appena passabile. Comunque sia cominciamo.


- Disloyal “Prophecy”
I Disloyal vengono dalla Polonia. Paese leader in Europa per quanto riguarda il death metal classico. Anche se ultimamente la Grecia sta venendo su parecchio bene… Questi Disloyal sono semplicemente degli assassini a piede libero. Il loro terzo album “Prophecy” è un insieme di anthem death metal dall’impressionante espressività brutale e violenta. Non chiedetegli thrash/death tecnico alla Melkong Delta oppure death metal melodico alla InFlames. Qui ci troviamo in pieno territorio Morbid Angel/Deicide. Quindi… Una colata di sangue.


- Nebiros “Kurwa Satana”
Dalla Germania giunge l’album di esordio per questa black/thrash band chiamata Nebiros. Mi ricordano gli Assassin che incontrano i primi Beherit. Quindi black metal molto potente e con preziosi intarsi di metallo nero epico. Certo il sound non è molto sofisticato e vanno spesso per vie spicce. Ma posso apprezzare il loro attaccamento a una concezione underground che si sta perdendo.


- Nyktalgia “Peisithanatos”
Ho rischiato di perderci la vista per decifrare monicker della band e titolo dell’album. Possibile che non riuscite a scrivere più chiaramente? Mah… So molto poco di questi Nyktalgia. Si sono formati nel 2001, provengono dalal Germania e “Peisithanatos” è il loro secondo album. Nonostante tutto ciò ho molto apprezzato il loro black metal. Infatti, ci offrono un suono moto cupo ed epico alla stesso tempo. Un suono che ci ricorda i bei tempi quando il black metal era una forma d’arte. Tuttavia fate attenzione: non considerate questa band come un semplice revival… Sono grandissimi…

Per saperne di più (si fa per dire…):
www.no-colours-records.de

emanuele gentile

<<< indietro


   

Warning: mysql_connect(): Too many connections in /usr/local/psa/home/vhosts/rawandwild.com/httpdocs/testimonies/speciale_nocolours.php on line 159
Errore nella connessione al database