Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - - Ă - '






Speciale Demonstealer Records (India)

La sempre più crescente globalizzazione investe anche il campo del business musicale permettendo così a nuovi attori di farsi largo. Questo è il caso dell’India dove si sta formando una scena metal di tutto rispetto. Prova di tutto questo è la Demonstealer Records che ha sottoposto al nostro vaglio un promo-kit composto da cinque release.

-  Demonic Resurrection “A Darkness Descends”

Non so molto su questi Demonic Resurrection in quanto l’etichetta non ha inviato uno straccio di biografia. Vediamo cosa possiamo scrivere… Il gruppo non è niente male in quanto ci propone un death metal a metà strada fra l’heavy metal sinfonico e il tipico crunch “made in Cannibal Corpse”. In certi versanti si notano influenze dei Cradle of Filth più gotici. Il risultato avrebbe potuto essere migliore se il cantato fosse stato maggiormente ispirato e meglio registrato. Un primo passo accettabile da un gruppo in possesso di fondamentali di tutto rispetto.

- Acrid Semblance “From The Oblivion”

Sulla falsariga dei Demonic Resurrection gli Acrid Semblance, ma di una spanna superiore. Infatti l’album intitolato “From The Oblivion” è molto più maturo ed espressivo rispetto a “A Darkness Descends” prodotto dal precedente gruppo. L’ambito è il death metal suonato anche con le tastiere. Ma questa volta si va decisamente in Svezia per seguire le orme di InFlames per esempio. Qua e là, inoltre, ho notato echi di Vision Divine o Rhapsody on Fire! Una proposta decisamente interessante che dovrebbe esser maggiormente lavorata. Ecco il problema dell’heavy metal indiano: la mancanza di persone capaci di effettuare un producing e post-producing conforme agli standard internazionali.

- 3rd Sovereign “Destined to Suffer”

Piuttosto involuti questi 3rd Sovereign in quanto propongono un death metal grind e crust praticamente inascoltabile. E’ un album che non ha spunti di interesse. Su una base marcia e che si dovrebbe ricollegare ai Carcass (si dovrebbe…) si erge un cantato putrefatto e privo di tonalità. Punti di interesse in questo “Destined to Suffer”? Nessuno… Meglio andare oltre…

- Compilation “Fine Tuned Disasters” & “Poise of The Eastern Blood”

Interessanti compilation quelle ricevute dalla Demonstealer Records perché ci permettono di aver uno sguardo più attento sulla realtà dell’heavy metal del sub-continente indiano. Ho notato, infatti, gruppi molto interessanti come i Bhayanak Maut, autori di un eccellente death/thrash, o gli Scribe, un gruppo di industrial/thrash da tenere d’cchio, od ancora i Dusk, autori di un estreme metal intriso di melodie indiane. Due compilation davvero opportune e valide.

Cosa manca alla Demonstealer Records? Essenzialmente due cose: un producing migliore e una maggiore attenzione al fattore promozione. Risolti questi problemi credo che sia in grado di realizzare cose egregie visto il buon livello delle sue band. Termino ricordandovi che il sito della Demonstealer Records è il seguente: http://demonstealerrecords.com

emanuele gentile

<<< indietro


   
The Night Flight Orchestra
"Amber Galactic"
Olneya
"Olneya"
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild