Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '






La musica nell'esoterismo: l'atto della creazione

«In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio». Così apre il Vangelo secondo Giovanni, proponendo un'origine vocale, ovvero musicale del creato. Il Gayatri Mantra, uno dei più importanti mantra tratti dalla letteratura vedica, è spesso anticipato dalla particella sanscrita Om, la più sacra della religione induista. Om, termine intraducibile, oggetto di investigazioni teologiche, è «sillaba [che] esprime l'assenso. Quando si vuole dare l'assenso a qualcosa si pronuncia Om. E ciò a cui si dà l'assenso verrà realizzato. Colui che conosce questo venera udgitha come la sillaba Om realizzerà i suoi desideri». Om precede la manifestazione della realtà materiale. Nell'esoterismo, il pensiero precede infatti la materia. Il suono è quindi il pensiero in azione, che si manifesta nei fenomeni materiali.
Ma come può il suono creare la materia?
Per quanto possa sembrare assurdo, un esame più approfondito del concetto può aiutarci a capire come ciò avverrebbe.
Prima di procedere, è però utile pensare all'universo secondo una prospettiva ermetica, dove ciò che si manifesta nel macrouniverso (il cosmo) segue le stesse identiche leggi di ciò che si manifesta nel microcosmo (l'uomo). Questo concetto viene espresso nella Tavola di Smeraldo: «Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli della cosa una».


Ermete Trismegisto

Procedendo con ordine, partiamo dall'origine dell'universo. Pitagora (570 a.C. circa - 495 a.C. circa) è stato uno dei più importanti filosofi, mistici e matematici nella storia della cultura occidentale. Fu lui a delineare con precisione una concezione matematica dell'universo, derivata dall'Antico Egitto. Secondo il paradigma pitagorico del numerus, la realtà è dettata da leggi matematiche che la definiscono. Ad esempio, il movimento dei corpi celesti, come possiamo osservare, obbedisce dei ritmi ben precisi che determinano il giorno, la notte, le stagioni e così via. Questo movimento armonico sarebbe fonte di una musica non udibile dall'orecchio umano, se non durante l'esperienza mistica.
La concezione musicale del cosmo ha accompagnato l'evoluzione della cultura occidentale. Nel Somnium Scipionis, incluso nel trattato De re publica di Marco Tullio Cicerone (106 a.C – 43 a.C), leggiamo: «"Che cos'è", dissi, "questo suono che riempie le mie orecchie?". "Questo", disse, "è quel suono, collegato ad intervalli non uguali, ma tuttavia ragionevolmente distinti con determinati rapporti, è originato dall'impulso e dal movimento delle sfere stesse e, fondendo i toni acuti con i gravi, determina armoniosamente vari accordi; e infatti movimenti così grandi non possono compiersi in silenzio, e la loro natura comporta che le estremità da una parte suonino gravi, dall'altra acute».


Musurgia Universalis, l'organo cosmico che genera il mondo, di Athanasius Kircher, 1650

Per quanto la teoria della musica delle sfere non sia più ritenuta utile dalla scienza positivista, la stessa dottrina – o per lo meno i principi base – non sono affatto tramontati. Le grandi tradizioni iniziatiche come la massoneria hanno preservato una concezione matematica del creato, dove Dio viene identificato come il Grande Architetto dell'Universo. Tutto è misura, numero, armonia.


William Blake, L'Antico dei Giorni, 1794

Sempre nel Somnium Scipionis, incontriamo il sole definito come «mente e principio regolatore del mondo». Nel discorso esoterico, come sottolineato dal mistico Max Heindel (1865 – 1919) nel suo capolavoro La Cosmogonia dei Rosacroce, ogni elemento spirituale ha una controparte fisica. L'astro solare è così manifestazione diretta del principio mentale dell'universo. «Il Sole è la migliore approssimazione del simbolo visibile di Dio» scrive Heindel.


Max Heindel

Questo ordine di rapporti numerici che osserviamo dappertutto attorno a noi sarebbe di fatto fonte di una logica, di una mente divina (macrocosmo), di cui l'uomo (microcosmo) ne è il riflesso. Essendo l'uomo frutto della natura, le leggi che lo definiscono non possono essere diverse da quelle naturali. l'uomo è in effetti lui stesso natura, fatto della stessa materia, non qualcosa di separato da essa. Ogni forza naturale costruttiva quanto distruttiva è presente nell'essere umano. Tutto ciò che si manifesta nell'uomo, incluso quindi la mente, non può che non essere una qualità presente anche nel macrocosmo. Solo la mente può infatti dare una misura alle cose. E l'universo, come abbiamo visto, obbedisce delle regole matematiche ben precise.
In un certo qual modo, potremmo considerare il cosmo come frutto dell'immaginazione divina, noi stessi prodotto del pensiero divino.
Arriviamo così all'essere umano, il microcosmo.
Agli inizi del scolo scorso si verificò un importante revival delle correnti esoteriche che vennero allo scoperto, alcune con l'intento di rendere note al pubblico generale molti insegnamenti che per millenni furono riservati solo agli iniziati. Il New Thought Movement fu uno di questi fenomeni. Alcuni principi, come la Legge di attrazione, furono col tempo volgarizzati. Persiste però uno dei punti principali resi noti dal New Thought Movement, che ha origine nell'antica tradizione esoterica, ovvero che i pensieri generano la realtà in cui viviamo.
Heindel scrive: «Il Primo Aspetto dell'Essere Supremo può essere caratterizzato come POTENZA. Da questo procede il Secondo Aspetto, IL VERBO e da entrambi proviene il Terzo Aspetto, il MOVIMENTO». La Potenza, il potenziale, risiede nella mente. Il Verbo, la vocalizzazione, è la manifestazione del pensiero. Il Movimento, l'azione ne è l'effetto. Ogni oggetto creato dall'uomo, era in principio solo un'idea, un pensiero. La comunicazione dei pensieri ha reso possibile la costruzione della società. La società umana non esisterebbe se non fossimo capaci di comunicare. La comunicazione è quindi l'atto di creare la realtà sociale in cui viviamo.
Così come l'universo è stato creato con la manifestazione del Verbo, così la nostra società è stata messa in piedi grazie alla comunicazione.
I nostri pensieri plasmano altresì anche noi stessi, determinando gli stati d'animo in cui ci troviamo, il nostro modo di interpretare la realtà, le relazioni interpersonali. Avendo i pensieri un effetto diretto sul corpo, determinano anche la salute fisica.
Nel vangelo apocrifo di Tommaso, Gesù dice: «Non sarà quello che entrerà nella vostra bocca a sporcarvi, ma piuttosto quello che dalla vostra bocca uscirà». Le parole servono infatti a consolidare e rafforzare i nostri pensieri. Le parole, i suoni, la musica non sono solo nostri prodotti, ma siamo noi stessi prodotti da ciò che diciamo e ascoltiamo. Le parole, i suoni, la musica creano la realtà. Scegliere ciò che pensiamo (e diciamo) significa quindi assumere il controllo della nostra esistenza. Come abbiamo visto in apertura, «la sillaba Om realizzerà i suoi [i nostri] desideri». In ultima analisi, se c'è qualcosa che potremmo apprendere dalla Tradizione è quindi questo: ogni cosa che diciamo, così come i suoni a cui ci esponiamo, sono l'atto di plasmare noi stessi e le nostre vite.

Roberto Bommarito

<<< indietro


   
Venom Inc.
"Avé"
Raging Fate
"Gods of Terror"
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild