Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '






HEDWIG AND THE ANGRY INCH

Titolo originale: Hedwig and the angry inch
Paese: USA
Anno: 2001
Durata: 95 min
Genere: commedia/musicale

Hansel è nato nella Berlino Est proprio nel 1961, anno di costruzione del muro e fin da bambino subisce gli abusi del padre, un marine americano.
Ci vuole poco perché egli si renda conto di sentirsi diverso dagli altri; di nascosto ascolta alla radio americana i suoi idoli: David Bowie, Iggy Pop, Lou Reed, e sogna un futuro alternativo, magari da rockstar.

A 26 anni, ormai con un aspetto molto femminile, Hansel cambia nome in Hedwig, si sposa con un soldato americano dopo essersi fatto operare (un frettoloso e mal realizzato cambio di sesso che porterà solo ad un risultato indefinito) e vola negli States; lì, tra mille peripezie, riuscirà a ottenere il successo con il suo gruppo rock, gli Angry Inch, ma non prima di aver sofferto molto, alla continua ricerca della sua identità e della sua parte complementare.

Tradotto in italiano con il mediocre titolo "Hedwig, la diva con qualcosa in più", certamente stiamo parlando di un film di nicchia, una sorta di musical diretto e interpretato dal bravissimo Cameron Mitchell nei panni di Hedwig. Fra gli attori troviamo Michael Pitt, nei panni di Tommy Gnosis, il rivale di Hedwig in musica, ma anche il suo amore.

Il personaggio di Hedwig ricorda molto Wayne County, il transgender del punk rock famoso per le sue esibizioni al CBGB di New York con il gruppo degli Electric Chairs.
Tutti i dubbi e le sofferenze di una scelta come quella di Hedwig vengono qui alla luce con molta sensibilità, il sottofondo musicale glam rock molto ispirato allo Ziggy Stardust di Bowie e all’album “Transformer” di Lou Reed aiuta l'obiettivo, regalandoci un film sincero e davvero originale.

Sara Palladino

<<< indietro


   
Immolation
"Atonement"
Blue Hour Ghosts
"Blue Hour Ghosts"
Devil’s Hound
"Depressive Letters"
Frode Hovd’s Aldaria
"Land Of Light"
Battle Beast
"Bringer Of Pain"
Virgin Steele
"Visions of Eden"
Overkill
"The Grinding Wheel"
Virgo
"Virgo"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild