Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Zombie Sam
:: Zombie Sam - Self Conscious Insanity - (Coroner Records - 2013)
Quando si parla di horror rock/metal, il primo nome che ci viene in mente è quello dei Death SS; ma no, questa volta vi parlo del progetto Zombie Sam, iniziato nel 2011 dalla mente di… ehm, Zombie Sam (chitarra e basso)! Appassionato di Tim Burton, delle colonne sonore darkeggianti, dell’ambient e dei riff della sua chitarra, oltre che dei suoni orchestrali, Zombie Sam riesce a pubblicare nel 2012 il suo primo Ep ufficiale, intitolato “Zombie Sam” (beh, appunto!) sempre per la Coroner Records. La band (italiana) si completa con King O’ Lantern (voce) e Patrik ‘The Beetlejuice’ (batteria); non è una novità che una band usi dei ‘nickname’ con il tema ‘horror’ al posto dei propri (ehm, comuni) nomi. Che dire, ‘oggi’ pubblicano ‘il loro primo full-length “Self Conscious Insanity”; l’album è mixato e masterizzato da Ettore Rigotti ed è prodotto da Alessio Neroargento (quest’ultimo anche in veste di guest vocals in “Stay Away from Me” e “Unreal”). Ma Neroargento non è l’unico guest, infatti l’altra guest vocalist è Sophia (dei Blood Stain Child), che ‘appare’ in “A Hallow Tale” e “The Awake”. Ok, come suona il disco? Beh, il disco si avvicina più alle produzioni di Marilyn Manson e all’industrial (in “A Beautiful Zombie”, la band abbraccia i suoni dei Rammstein). Poi non capisco l’utilità di brani riempitivi, come la 12° traccia (praticamente circa due minuti di musichetta da carillon) e la traccia numero 13° (circa tre minuti di sinfonie): non potevano essere utilizzate come intro ed outro? Per fortuna almeno i brani sono brevi, sebbene non riescano ad evitare di finire nella monotonia e nel già sentito (cosa che accade in quasi tutto il disco, per gli evidenti riferimenti al “Reverendo Manson”). Addirittura la 9° traccia, inizia (quasi) uguale a “The Beautiful People” del citato Manson! Cosa aggiungere? Personalità e originalità... bassissime; per me, rimandati al prossimo disco (sperando in positivo).
Voto: 4/10
Giovanni Clemente

Contact:
www.facebook.com/ZombieSamOfficial
<<< indietro


   
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"
Die! Die! Die!
"Charm. Offensive"
I Sileni
"Rubbish"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild