Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Zippo
:: Zippo - After Us - (Apocalyptic Witchcraft Recordings - 2016)
Parlare degli Zippo come di una “semplice” band stoner è riduttivo. Formatisi nel 2004 nella zona di Pescara ed autori, con questo “After Us”, di quattro album tutto sommato diversi ma sempre coerenti fra loro, sono da più di dieci anni una delle realtà di punta del panorama italiano dedito a certe sonorità. A detta della band stessa, anche questo ultimo lavoro presenta delle differenze rispetto agli altri dischi, principalmente rispetto alle tematiche, questa volta più introspettive e quindi emotivamente più suscettibili di influenzarne il sound complessivo.
Come al solito, diventa quindi necessario prendere dei riferimenti musicali abbastanza precisi per definire le influenze di una band che voglia essere così particolare nel suo “genere” (impresa, ribadisco sempre, non da poco), e quindi nel sound di questo nuovo disco degli Zippo potrei dire di ritrovare l’eco di un sacco di altra bella roba tipo Kyuss, Down, Melvins, Tool, Voivod, Cathedral, Soundgarden, ma sempre dilatata (e quindi reinterpretata…) verso orizzonti estremi che si stendono dal prog rock settantiano alle sperimentazioni rumoristiche postmetal; il risultato finale è un bel viaggione pesante, coinvolgente e ben articolato/architettato, non ultimo per merito delle ottime linee vocali di Dave (già cantante degli Shores Of Null), potenti, ispirate e versatili, molto adatte a fungere da collante semantico/melodico fra la musica e le parole degli interessantissimi (e molto profondi) testi. Il tutto è valorizzato da una produzione corposa, pesante, anche definita, elaborata e “sperimentale” ma sempre caratterizzata da un feeling “sporco”, perfettamente adatta allo scopo.
Fra gli otto brani, personalmente indicherei come quelli maggiormente più rappresentativi del disco l’opener “Low Song”, dalle sonorità stoner abbastanza “classiche” ma una track comunque personale nel suo complesso; la titletrack “After Us”, lenta e crepuscolare escursione semionirica in un futuro remoto, fra riffs circolari e frequenze medio-basse; la breve, nevrotica e arrabbiata “Adrift (Yet Alive)”, che non a caso vede come ospite alla voce Ivan Di Marco, cantante del combo hardcore Straight Opposition; la malinconica “Summer Black”, dalle soffici dissonanze e dai carezzevoli tempi sincopati che scandiscono delle fasi sonore caratterizzate sempre da una triste dolcezza; la finale “Leftover”, uno dei pezzi più lunghi del disco (07:05), dalla ipnotica evoluzione e dalle evocative sovraincisioni vocali.
In definitiva, “After Us” è secondo me un altro ottimo lavoro di una altrettanto ottima band con più di dieci anni di esperienza nel campo dell’hard rock sfrontato, pesante e psichedelico; da avere anche solo per questo motivo.
Voto: 8,5/10
WOLVIE

Contact
www.zippomusic.it
www.facebook.com/zippomusic
www.facebook.com/apocalypticwitchcraftrecordings
:: Zippo - Maktub - (SubSound Records – 2011)
Avevo incrociato sulla mia strada gli Zippo in occasione del loro esordio discografico. Di acqua ne è passata sotto i ponti, e ora me li ritrovo maturi e diversi. Ammetto che non ho avuto modo di ascoltare e recensire il secondo lavoro del gruppo, The Road To Knowledge, uscito 2008 (sempre per la SubSound), ma la band che mi ritrovo oggi per “le orecchie” ha un sound meno stoner di quello che ne caratterizzava gli esordi. La copertina (grandioso l’artwork e il packing) in stile Tool (o toolleggiante, come direbbe una persona di mia conoscenza) doveva far trillare il famoso campanellino. Però, pur individuando delle influenze provenienti della band di Mr Maynard James Keenan, i nomi che mi vengono subito in mente sono Alice In Chains e Soundgarden (in ordine di apparizione). I primi per alcune soluzioni allucinate, i secondi per l’uso delle melodie vocali. Riascoltando il disco ecco apparire i già citati Tool e il vecchio stoner. Alla fine l’idea che mi son fatto è che il disco affondi le proprie radici negli anni 90 (credo che i membri della band siano cresciuti musicalmente in quel periodo) e ne rinnovi e rinfreschi i contenuti. Un ottimo lavoro da parte di una band che ha tutte le carte in regola per sfondare oltreconfine!
Voto: 7,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.zippoband.it
www.myspace.com/zippomusic
http://www.subsoundrecords.it/
:: Zippo - Ode To Maximum - (Autoprodotto - 2006)
Un buon esordio quello degli Zippo. Ode To Maximum è un disco stoner, e gli amanti del genere troveranno pane per i propri denti. Gli otto pezzi racchiusi tra le due song strumentali Alpha e Omega, sono ben suonati e, soprattutto, vari. I punti di riferimento sono certamente i grandi del genere, Kyuss, su tutti, ma a tratti il gruppo mia ha ricordato i Soundgarden e i Pearl Jam più rumorosi. In ordine sparso citiamo Tsunami Dust, con il suo tempo lento e un trascinante assolo di basso. Forgotten Season dai chiari richiami sabbathiani. L’intimistica Night Jam, e il tributo al deserto Kid in Desert sono due gran bei pezzi. La mia preferita rimane, però, The Elephant March con le suoe sonorità doom. Un appunto che muoverei alla band è quello relativo all’uso della lingua italiana in alcuni pezzi, scimmiottando Boskov mi sento di dire che: italiano non lingua di rock and roll…, ma questo rimane comunque un mio giudizio personale. Amanti dello stoner, procuratevi questo cd, non vene pentirete!

g.f.cassatella

Contact
www.zippoband.it
www.myspace.com/zippomusic
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild