Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Woods Of Karma
:: Woods Of Karma - This Has Already Been Done - (Resisto - 2015)
“This Has Already Been Done” è il titolo dell’EP d’esordio dei livornesi Woods Of Karma. Ecco, questo è un esempio eccellente per spiegare la struttura del Present Perfect in inglese: in presenza del succitato tempo verbale, se qualcosa “è stato già fatto” non significa che “non può essere rifatto”, il passato non è incastonato in una teca ma può ripetersi in un eterno presente, rinnovatore o no. E questa è un po’ la metafora che sta alla base dei Woods Of Karma: un’aderenza a diversi modelli della sconfinata galassia alternative, senza pretese di originalità, con un focus sulla forma canzone che ne compensa l’impianto derivativo. Per dire, “Aubergine” chiama a sé i modelli vellutati di Placebo e Coldplay, ma già dalla successiva “The Model” sono i Muse e i Franz Ferdinand ad imporsi con forza, non solo per la ritmica ossessiva ma anche per un certo gusto dell’epico associato ad un sostrato tipicamente alternative e sottolineato dagli assoli di chitarra. La danzereccia “Endlessea” vi ricorderà un sacco di cose – a me fa venire in mente i Gogol Bordello, o anche la carica irriverente del duo Thee Mutandas – mentre la conclusiva “August For The Last Time” gioca la carta di certa wave classica di matrice The Smiths/Pulp, un mood che conferisce al pezzo un aplomb che solo il raro sole britannico può conferire, nello spirito di quella tradizione un po’ dandy nata sin dai tempi di Kinks e Beatles. D’altronde, anche la scelta dell’inglese va in controcorrente rispetto alla maggioranza delle band di rock alternativo italiano, sottolineando l’aderenza ai modelli della terra di Albione piuttosto che a quelli nostrani (che poi sono spesso debitori di quanto già fatto oltreoceano). Probabilmente è questa la vera peculiarità dei Woods of Karma, l’elemento distintivo che bilancia quanto di “già sentito” è presente nelle loro composizioni. Ah, dimenticavo… di elemento distintivo ce n’è un altro: il sagace uso delle doppie voci, che ci fa ben sperare in discreti sviluppi per un futuro full length. Dunque, attendiamo fiduciosi…
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/WoodsOfKarma
<<< indietro


   
Heir
"Au Peuple De L’Abìme"
Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand
"What Makes You Pray"
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild