Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Witchmaster
:: Witchmaster - Trücizna - (Ibex Moon Records – 2009)
Anche il metal vive di provenienze geografiche. Soprattutto il metal, direi. Nonostante gli Hellacopters e il punk’n’roll dal sapore californiano nati nella fredda terra dello swedish death. Ma quella è l’eccezione che conferma la regola, e i puristi tra voi staranno già storcendo il naso, non essendo gli Hellacopters un gruppo propriamente metal. Ampliando il discorso, possiamo allora dire che il rock’n’roll preso in toto vive di provenienze geografiche. Fortunatamente, i Witchmaster aderiscono alla perfezione a questa premessa semiseria. Innanzitutto sono polacchi, e a casa mia Polonia vuol dire Vader: non a caso in entrambe le formazioni milita il bassista Reyash. Inoltre, il passato dei Witchmaster è legato a doppia mandata ad un certo crust di sapore esteuropeo, come testimoniano le sonorità del loro debutto “Violence and Blasphemy”; e qui il cerchio si chiude. Perché, tra suggestioni Wolfpack e aperture thrash mitteleuropee nello stile dei Sodom, il quartetto tira fuori un disco che è duro come un macigno, ma che gode dei mid-tempo che dagli Stati Uniti sono stati trapiantati direttamente nei geni degli inkazzatissimi musicisti che operano in quello che era l’Eastern Bloc. I Witchmaster si ispirano al death-black nell’accezione che il termine aveva negli anni ’80, non trascurando scorribande nel thrash (lo stile degli assoli parla da solo) e soprattutto nel già citato crust, che aleggia anche nelle scelte grafiche della copertina. Per non parlare dei testi, vero specchio della macrostruttura postsovietica che deve aver ispirato cotanta rabbia tra le righe di “Road to Treblinka”, “Back to the Bunker”, e soprattutto “Black Scum”, degna closing track di un lavoro che non dà tregua, tra una rullata e l’altra a scandire riffs ispirati al lato più oscuro dell’hardcore, il tutto sottolineato da feroci vocals al vetriolo. What doesn’t kill makes you stronger!
Voto: 7/10
Francesco Faniello

Contact:
www.myspace.com/wearewitchmaster
www.myspace.com/ibexmoonrecords
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild