Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Wisteria
:: Wisteria - Under an 8-Bit Moon - (Autoprodotto - 2014)
Il progetto Wisteria è legato ad AtoragoN (Strider) e Veronica “Valchirea” Bordacchini (Fleshgod Apocalypse), con la collaborazione di vari musicisti come Francesco Ferrini (anche lui nei Fleshgod Apocalypse) ed è un progetto per creare canzone oscure, con un sound industrial, come colonna sonora perfetta per un incubo! La band cita come influenze Evanescence, Rammstein e Devin Townsend. I Wisteria hanno pubblicato un primo demo “Mechanical Phoenix” contenente tre canzoni di rock industrial e la cover di “Hyperdrive” di D. Townsend; nel 2012 pubblicano il secondo demo “Nerdvana” e solo oggi arrivano al primo full-length, contenente tre cover e sette brani originali. La band ammette di esplorare a fondo il lato oscuro, anche con l’utilizzo dell’elettronica – con testi ispirati allo Sci-fi, ai film horror e ai romanzi di Lovecraft. Onestamente, il disco (per il sottoscritto) è ancora acerbo, e nonostante i diversi ascolti non riesco ad esaltare molto i Wisteria… ripeto, per il sottoscritto c’è ancora molto da fare! Ad esempio, se prendiamo in esame la cover “Eleanor Rigby” (dei The Beatles)… beh, mi dispiace dirlo, ma è la peggior cover che ho sentito di questa canzone – prendete invece la versione dei Pain (di quel ‘mattacchione’ di Peter Tagtgren), quella sì che ‘attizza’! Nemmeno la cover di “A Rose in the Wind” di Anggun (???) è trascinante. “R’Lyeh” è ispirata ai romanzi di H.P. Lovecraft, e qui finalmente si inizia ad apprezzare qualcosina; “Event Horizon” invece è ispirata all’omonimo film horror fantascientifico; “Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me” è la terza cover (degli U2, originariamente scritta per il film “Batman Forever”) e ahimè, anche questa cover non riesce a essere interessante. Andando verso la conclusione, troviamo “8-Bit Nightmare”, un brano tutto elettronico, non eccellente, ma almeno si fa apprezzare. A chiudere il primo full-length dei Wisteria troviamo infine “Cremisi”, brano carino… in conclusione, credo che la band debba crescere ancora, per fare il vero salto di qualità; qualche idea c’è, ma troppo confusa e/o sviluppata male. Le cover, per il sottoscritto, non sono riuscite; al massimo, per adesso trovate qualcosa più vicino al vostro sound; e come dicevo pochissime righe fa… qualche idea carina c’è, bisogna solo ‘coltivarla’ e svilupparla meglio – molto bella (invece) la copertina. Un quasi sufficiente, nella speranza di riascoltarvi presto, con un prodotto migliore. Non arrendetevi!
Voto: 5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.reverbnation.com/wisteria
www.facebook.com/pages/Wisteria/117021795018815

La band italiana Wisteria entra nella scena musicale con il primo full-length ufficiale “Under An-8 Bit Moon”, una fusione tra industrial e rock che si ispira molto ai film horror come “Hellraiser” e “Blade Runner” e alle atmosfere delle storie di H.P. Lovecraft. L’obiettivo di questo cd, come nei precedenti demo “Mechanical Phoenix” e “Nerdvana”, è la creazione di canzoni industrial-rock ed elettroniche che fossero la perfetta colonna sonora per un incubo, uno scopo che è stato ben raggiunto e la testimonianza sono canzoni come “8-bit Nightmare”, “Cremisi”, “Cenobite” e “The Shoulder Of Orion”. Atoragon, membro della band italiana Strider, attraverso l’introduzione di originali sperimentazioni provenienti dallo stile musicale industrial, dark ed elettronico negli accompagnamenti delle canzoni, ha dato vita a pezzi densi di originalità e di innovazione. La cantante riesce ad adeguare perfettamente le sue doti vocali al contesto stilistico-musicale del cd. Gli unici difetti sono le cover di “A Rose In The Wind” e “Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me”, che non sono molto convincenti all’orecchio dell’ascoltatore. Un album interessante dal punto di vista stilistico-musicale.
Voto: 7/10
Lara Calistri

Contact
www.facebook.com/pages/Wisteria/117021795018815
www.reverbnation.com/wisteria
<<< indietro


   
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild