Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Willard
:: Willard - Steel Mill - (Metal Mind – 2010)
Io c’ero e posso dirlo, anche a costo di sembrare un “Pansa” qualsiasi, che il movimento Grunge è stato una bufala. I miei coetanei sono troppo persi nei loro ricordi adolescenziali per ammetterlo, ma siamo stati gabbati tutti in quegli anni 90. L’etichette scelsero una manciata di band eterogenee da inserire nello stesso calderone. Poco importavano le differenze stilistiche, alla Generazione X doveva esser garantita una serie di gruppi nel quale ritrovarsi. Noi sbandati post-sbornia anni ottanta abbiamo accolto a braccia aperte personaggi crepuscolari come Kurt Cobain e Layne Staley, senza renderci conto che i Nirvana erano una cosa, gli Alice In Chains un’altra, Soundgarden e Perl Jam un’altra ancora. Ci siamo cascati, e così ci siamo sorbiti, insieme ai grandi capolavori (Dirt degli Alice In Chains su tutti), mediocri uscite di band quali Stone Temple Pilots e Smashing Pumpkins (anatema su di me!). La RoadRunner, che in quel periodo iniziava a fiutare l’odore dei soldi, dopo un decennio passato a produrre gruppi metal che non erano andati oltre lo status di cult band, grazie ai Sepultura, tentò la carta grunge lanciando Willard e Gruntrack. I primi fecero una scelta di campo decidendo di non assecondare l’etichetta, dichiarando apertamente di non suonare grunge. Questo probabilmente è una delle cause dell’oblio della band (uso il “forse” perché, se si esclude i Pearl Jam, tutte le band di quel movimento hanno avuto comunque vita breve). Ma cosa suonavano i Willard? Sludge. Forse stoner. Una via di mezzo tra AIC e Melvins. Così come i Soundgarden, anche i Willard si rifacevano in gran parte al rifforama dei Black Sabbath, ma avevano una pesantezza che li avvicinava più a Staley e co. che non a Cornell e soci. Prodotto da Jack Edino, lo stesso di Bleach, Steel Mill passò del tutto inosservato (inascoltato). Un vero peccato, perché rimane uno dei migliori esempi di rock pesante degli anni 90. Il successivo lavoro, Bone Grinder, è stato registrato e mai pubblicato. Chissà, magari un giorno…
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.metalmind.com.pl
<<< indietro


   
Gravesite
"Neverending Trail Of Skulls"
Accept
"The Rise Of Chaos"
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild