Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Voltage
:: Voltage - A World beyond... - (Autoprodotto)
Che dire. Quando una band suona insieme da più di dieci anni ci si può aspettare davvero di tutto. Non è scontato che si possano realizzare anche delle porcherie. Questo non è sicuramente il caso dei Voltage che vantano una carriera ultra decennale (tredici anni per la precisione) e che oggi si presentano con “A world beyond…”un lavoro che definirei veramente ottimo e di grande gusto, concepito in collaborazione con Anton Chaney dei famigerati Death SS. I Voltage propongono un sound molto post metal, orecchiabile e pieno di fantasie a cavallo fra un thrash molto energico ed impennate dark.
Ma la cosa più interessante è anche l’uso delle drum machine, che probabilmente farà storcere il naso a parecchi defenders. Niente di più errato. I Voltage probabilmente sono una delle poche band che oggi come oggi fa un uso disciplinato e dosato di campionature e drum machine al fine di non inquinare il proprio sound decisamente pesante.
Basta ascoltare pochi brani per rendersi conto della sinergia e della compattezza fra i vari membri della band che dimostra uno spessore tecnico e compositivo veramente notevole. Primeggiano infatti le grandi doti del chitarrista Dave Straccia e del bassista Raffaele Bassetti dotato veramente di un ottimo groove. Le dodici tracce presenti sul promo denotano uno stile veramente variegato e pieno di coloriture fantasiose e quindi non solo post metal, non solo thrash, non solo striature dark ma anche qualcosa di progressive ed, in alcuni passaggi, e nella fattispecie in “Somewhere Memories”, alcuni elementi decisamente death. Veramente interessante anche “Deep inside of me”, un brano che cattura decisamente grazie al suo stile cangiante: un intro molto simile alle melodie sepolcrali degli Alice in Chains che poi cede il passo ad un’esplosione post-metal dalle tendenze molto “new”.
Nel complesso “A world beyond…” è un prodotto veramente notevole per la tecnica e la creatività profusa nelle dodici tracce, il che denota una maturità musicale ampiamente conseguita.
Sicuramente una band da seguire.
Ottimo.

AN

Contact
www.davewarrior.altervista.org
Avantgarde: 338/1428483
Dave Warrior: 328/4831966
Raf: 339/6212862
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild