Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Vengeance
:: Vengeance - Back in the Ring - (MTM Music/SPV)
I tedeschi Vengeance hanno raggiunto nuovamente una loro performance spettacolare, con la voce di Leon Goewie sempre più graffiante e cattiva. La loro attinenza a solcare le melodie vicine a band quali Ac/Dc, ci rende partecipi di due brani stupendi: l’iniziale titletrack e “No Mercy”, dove è impossibile non muovere freneticamente il capo. L’album si snoda attraverso sonorità avvincenti ma anche in cadenzate melodie come “Mind Over Matter”, col ritornello da cantare a squarciagola. Un album che ha dello straordinario, un ritorno sulla cresta dell’onda per i Vengeance, che non danno un solo secondo di pausa all’ascoltatore. “Bad Attitude” e “Had Enuff” sono trasportanti e dirette, una bomba piena di emozioni pronta ad esplodere. I riff sono precisi e pieni di incisività gli assoli, si ascolti “Cowboy Style” per rendersene conto. Piccoli arrangiamenti di tastiera in “Now and Then” donano un atmosfera rockeggiante al brano, un espediente ben dosato che regala personalità all’intero lavoro. Un come back di ottima fattura con special guest del calibro di Arjen Lucassen, (Ayreon), Mat Sinner (Sinner,Primal Fear), Michael Eurich (Warlock, Casanova), Michael Voss (Mad Max, Casanova, Silver).

Stefano De Vito
:: Vengeance - Piece of Cake - (Steamhammer/SPV - 2013)
Quando un disco si presenta con una copertina brutta, ma brutta brutta… cosa ci si può aspettare? Boh!!! Dai, l’ho sempre detto che non si deve (mai) giudicare un libro (o cd) dalla copertina. Anzi, meglio se partiamo dall’inizio… la storia dei Vengeance, è una storia che inizia nel lontano 1984 e si presenta come una tradizione di famiglia: cioè, dopo la morte del chitarrista storico Jan Somers, oggi è il figlio Tim a prendere le redini della band. Oltre dieci album alle spalle e, come potete immaginare, nel tempo ci sono stati numerosi cambi di line up. Comunque sia, oggi la band olandese ci propone un disco di puro hard rock (con molti richiami cari al blues), proprio come si faceva una volta, tra brani elettrici e veloci che si alternano ad atmosfere vicine al (già citato) blues; davvero interessante ascoltare una band con una storia così longeva, ma che per sfortuna o per altro non è riuscita ad arrivare alla popolarità (forse l’Olanda non è la terra ideale per suonare Hard Rock?) che hanno avuto altre band. Si sente che “Piece of Cake” è un disco onesto, sentito e senza troppe pretese; simpatico il titolo, un po’ ironico (‘Pezzo di torta’… quasi a chiedere gentilmente di essere considerati, per prendersi una ‘fetta’ che gli spetta), ma visto il bagaglio della band (considerata come figlia minore di una scena che ha visto le band del Regno Unito e degli USA primeggiare…) non ci resta che dare un nuova possibilità alla band (non ve ne pentirete). “World Arena” è il classico brano che ogni band degli anni ’80 avrebbe potuto (o voluto) suonare, anche i riff sono di scuola ‘classic hard rock’; confesso che l’album alterna belle idee ad altre che oggi sembrano fuori moda e (qualcuno penserà) già sentite… ok, ma ricordiamo ancora che i Vengeance erano lì in quegli anni! Tra i brani vi cito anche “Headquake”, una traccia ‘cattiva’ e diretta con forti richiami sempre a quegli anni in cui questo sound spopolava e faceva impazzire più di una generazione. Azzeccati sia i riff che i cori; il brano che volevamo trovare nei diversi dischi dell’epoca! Una piccola parentesi: in alcune occasioni la voce ‘graffiante’ del cantante (Leon Goewie) mi è parsa abbastanza simile alle prime prove dell’ex cantante degli Accept Udo Dirkschneider – naturalmente potrei anche sbagliarmi! Anche la titletrack “Piece of Cake” è un altro brano veloce, con interessanti armonie e cori. D’accordo, forse la band non possiede un songwriting originale (e chi lo può dire?), ma “Piece of Cake” è un disco che si lascia ascoltare in tutta tranquillità: davvero, niente noia. Tutto sommato, è un disco ben fatto e suonato, che ci riporterà indietro nel tempo; la band non perde quindi credibilità e identità, e l’augurio è che raccolgano quanto hanno seminato fino ad oggi.
Voto: 7,5/10
Giovanni Clemente

Contact
www.facebook.com/Vengeance.LeonGoewie
<<< indietro


   
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"
Night Demon
"Darkness Remains"
Au-Dessus
"End of Chapter"
Downcast Twilight
"Under the Wings of the Aquila"
The Match
"Just Burn"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild