Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Valkeryon
:: Valkeryon - Visions Of Fire - (The Leaders Group - 2014)
Qual è la cosa peggiore che si può fare a livello promozionale? Non ho la risposta perfetta, ma sicuramente iniziare una biografia in medias res, un po’ come un romanzo contemporaneo, senza rendere ben chiaro chi siano i personaggi coinvolti (e soprattutto, perché mai dovrei conoscerli così bene) aiuta a fare una cattiva impressione. Va beh, l’abito non fa il monaco, mi dico. Dopo accurata ricerca, ho appurato che i Valkeryon sono panamensi, che sono espressione del tastierista Alpha Prime (!), nati inizialmente come cover band di colonne sonore “anime” e poi evolutisi in una band che propone musica propria, ovviamente nello stesso stile. Esperimento intrigante, ma non riuscito a mio parere: troppa la carne al fuoco, troppo labile il confine tra sonorità “serie” e sonorità infantili; infatti, la prima cosa che salta alle orecchie è la difficile convivenza con gli elementi più “cartoonish”, sostenuti dalle linee vocali e dall’uso smodato delle tastiere, e quelli puramente power metal, sottolineati dalle chitarre. In sostanza, il disco è una lagna tronfia e poco digeribile, su cui si erge la voce piatta e monocorde di Rubens, vero e proprio responsabile ultimo di cotanto sfacelo. Mi asterrei volentieri dal citare singole tracks, ma posso dirvi che “Fight With Time” è oscena, e che “Culture War Pt. 2” è l’esempio perfetto di cosa io intenda per “lagna” (se avete il coraggio di procedere all’ascolto, al centesimo ripetersi del refrain maledirete la vostra curiosità). Detto questo, non sono di certo il tipo che ascolta solo roba blasonata: dai Rhapsody Of Fire, per citare l’esempio più immediato che mi viene alla mente, i Valkeryon non hanno preso proprio nulla, né le capacità compositive né la passione per il “bel canto”, la cui tradizione è qui dilaniata dalla timbrica nasale e dalle linee vocali ripetitive del già citato Rubens. L’unico che si salva è il funambolico chitarrista José Chang, il cui stile prende a piene mani dal trio “impossibile” Weikath/Hansen/Grapow, nonché dalla tradizione neoclassica: ma a ‘sto punto mi sento le cassette Dave Celentano, se devo ascoltare un album solo per la chitarra! Buoni spunti di epic/folk qua e là e il megadethiano intro dello strumentale “A Place Beyond” sono solo una goccia nell’oceano di piattezza peggiorato da un suono di batteria elementare, e da un’ingiustificata predominanza di tastiere in tutte le salse e con tutti i registri possibili, che vedono il mastermind Prime spesso nei panni di una sorta di Kevin Moore alle prese con Alice nel Paese delle Meraviglie. E dire che avrei dovuto immaginarlo, vista la copertina di “Visions Of Fire”: voi perciò statene assolutamente lontani.
Voto: 3/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/valkeryon
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild