Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Until Graves
:: Until Graves - In Your Name - (Autoproduzione – 2010)
Viene da Roma questo four piece di melodic death metal, autore di un demo di cinque tracce. Loro sono gli Until Graves, il demo si chiama “In Your Name” ed è stato registrato a fine 2010. Un artwork gothic che a prima vista potrebbe fuorviare l’ascoltatore, ma che mette subito in chiaro l’importanza della componente oscura nell’economia della band, specie nei cori profondi e nei frequenti inserti di tastiere e di pianoforte.
Atmosfere tipiche della zona d’ombra tra swedish death e black caratterizzano l’opener “For Salvation”, soprattutto negli intrecci tra le armonizzazioni di chitarra e il tappeto di tastiere. In generale, è il cantante il perno della band, con un timbro a metà tra growl e accenni screamy che spesso sfocia in profondità darkeggianti. E non è un caso dunque che la Nomadism Records abbia messo gli occhi sul combo per una futura collaborazione. Molto oscuro è il mood della cadenzata title-track, che fa pensare ad un incrocio tra Dark Tranquillity e Sisters Of Mercy, a parte l’evidente citazione beethoveniana dell’intro. Uno dei punti di forza della band è senz’altro l’impiego di taglienti ritmiche di chitarra che rappresentano un’ottima variante alle sonorità lugubri presenti a profusione, mentre il punto su cui lavorare senza indugio è la presenza di vari solos imperfetti e fuori tono: buone le melodie create, meno buona l’esecuzione generale. Lo stesso dicasi per un certo abuso di inserti di pianoforte, a volte sbilenchi e più adatti ad un progetto propriamente goth rispetto alle radici metalliche di cui è pieno “In Your Name”.
“Swearwords and Poetries” è forse uno dei momenti più interessanti del dischetto, con frequenti richiami agli In Flames del periodo intermedio, così come la conclusiva “Darkness Arrival”, influenzata dal thrash nel rifferama e con tastiere funzionali negli stacchi, pur apparendo un po’ forzata negli inserti corali. Un lavoro acerbo e con ampi margini di miglioramento in fase di esecuzione, ma che mostra una band con buone potenzialità.
Voto: 6/10
Francesco Faniello

Contact
www.myspace.com/untilgravesband
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild