Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Unredeemed
:: Unredeemed - Amygdala - (Buil2Kill Records - 2015)
Esordio niente male per gli Unredeemed con il loro Amygdala, uscito per la Buil2Kill Records, divisione della Nadir Music S.R.L. La compagine piemontese/toscana può vantare tra i suoi componenti Glenn Strange al basso, membro della storica band horror metal italiana Death SS (dalla quale arriva anche la collaborazione di Steve Sylvester nel brano “No Name Maddox”, sesta traccia dell’album). Un altro grosso nome che ha lavorato per questo disco, e che bisogna necessariamente ricordare, è quello di Mike Spreitzer (DevilDriver), che si è occupato del mastering dei brani. Insomma le premesse sono ottime, e vengono pienamente rispettate nei primi quattro brani “Drinking With The Devil”, “Lack of Luck”, “The Art Of War” e “The Stone”, a mio parere i migliori di tutto il lavoro. Gli Unredeemed si esprimono in un thrash groove molto carico e grintoso, con influenze death metal, ricordando gruppi come DevilDriver e Sepultura. Amygdala è quindi un concentrato di riffs thrasheggianti con un groove trascinante che difficilmente non piace agli amanti del genere. Questo però è anche il punto a sfavore di questa band, poiché quest’album, per quanto registrato benissimo e contenete brani di buon livello (almeno per la prima metà), non propone nulla di nuovo alla scena metal nazionale, dando qualcosa di già ben noto all’orecchio del “metallaro”. C’è da aggiungere che gli Unredeemed si sono molto concentrati sulla produzione (cosa sacrosanta), ma hanno trascurato il lato grafico del disco: la cover infatti non risulta essere molto gradevole, e non rispecchia la qualità acustica di Amygdala. Volendo terminare, al contrario della buona costruzione dei riffs, i soli di chitarra non risultano essere altrettanto ben fatti (con questo non intendo dal punto di vista tecnico, ma dal punto di vista prettamente compositivo), andando lievemente a distorcere quella che era una buona riuscita del brano in corso. Insomma questo Amygdala mi risulta essere diviso perfettamente a metà tra aspetti negativi e aspetti positivi, ma, ribadendo, sono sicuro che sarà di piacevole ascolto per gli amanti del Groove.
Voto: 6/10
Antonio Paolillo

Contact
www.facebook.com/UNREDEEMED11
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild