Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Trinakrius
:: Trinakrius - The Black Hole Mind - (Hellion – 2008)
La tradizione italica in ambito doom metal affonda le proprie radici nel passato. Dagli Jaucala in poi, passando per Death SS\\Violet Theater, Paul Chain, sino a Abysmal Grief, Doomsword e Thunderstorm, grandi tributi al sottogenere del metal più oscuro sono stati scritti. In questa tradizione ben si inseriscono, ormai da anni, i siciliani Trinakrius che con The Black Hole Mind confermano quanto di buono fatto con la propria produzione precedente. L’elemento nuovo del gruppo è sicuramente la voce versatile del neo singer, Flavio Rezza, che ricorda in alcuni momenti quella di Glen Danzing, in altri Wino e in altri ancora Messiah Marcolin. Per quanto rigurdal e sonorità, pur essendo chiaramente di matrice ottantina (Candlemass, su tutti) non mancano riferimenti al doom classico di Black Sabbath e Pentagram. Infatti il gruppo riesce a muoversi con disinvoltura tra le pieghe del genere, inserendo qua e là sonorità che si rifanno alla tradizione occulta italica o alla tradizione siciliana. Non mancano neanche passaggi più pesanti con inserti di growl vocals ad opera del batterista Gladio Florio. Il risultato è un doom mediterraneo che accomuna i Trinakrius agli altri doomster isolani (Malta) Forsaken. Probabilmente rispetto al passato c’è un maggiore avvicinamento a sonorità heavy metal classic di scuola Maiden e\\o Judas Priest, che rende il sound più dinamico senza nulla togliere alla pesantezza. Brani da citare sono: “Torment”, “Killerotomia” e “Mental Devastation”. Le tastiere di Francesco Chiazzese in “Little Angel” dipingono scenari di scuola Goblin, mentre l’ingresso della voce di Flavio riporta alla mente i Savatage più oscuri. Il tributo ai black Sabbath viene pagato con l’esecuzione di “Paranoid”. Probabilmente sarebbe stato più opportuno scegliere un brano meno noto dei quattro stregoni di Birmingham, giusto per cercare il pelo nell’uovo. Comprate The Black Hole Mind e che l’oscurità sia con voi…
Voto: 7,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.trinakrius.it
www.hellhoundrecords.de
<<< indietro


   
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"
LorisDalì
"Gekrisi"
Cloven Altar
"Enter The Night"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild