Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Tiresia Raptus
:: Tiresia Raptus - Tiresia Raptus - (BloodRock Records\\Black Widow Records - 2012)
Carlo Gagliardi (basso, percussioni e voci), Nicola \"Cynar\" Rossi (voce, synth e percussioni), Willer Donadoni (chitarra ed effetti), Manuele Frau (chitarra ed effetti), Luciano Lamanna (tastiere e synth), Jonah Padella (batteria) e Marta Neri (voce), questo è l’elenco dei musicisti coinvolti nel progetto Tiresia Raputs. Si tratta di gente attiva in progetti più o meno noti dell’underground italiano, come The Foreshadowing, Der Noir, Black Land e Doomraiser. Come spesso accade in ambito musicale il risultato va oltre la somma delle singole parti, quindi se vi aspettate un cd che contenga semplicemente quelle sonorità che caratterizzano le band sopracitate, vi sbagliate di molto. Se la base è doom, il resto proviene da ambiti musicali che molte volte straripano nella sperimentazione vera e propria. Anche l’etichetta di doom progressivo starebbe stretta alla band. Più corretto è fare un passo indietro di circa 50 anni, e tornare a quella voglia di andare oltre che spingeva band come i Grateful Dead a varcare i meri confini della musica. Lo spirito che anima questo esordio è molto simile a quello di Jerry Garcia e soci: la musica è un mezzo per viaggiare. Il risultato è un suono lisergico ed estraniante a base di doom, psichedelia, campionamenti, vocalizzi e rimandi di musica etnica. Se “Whales” è giusto un’intro allucinata, dalla seconda “Memorie Dal Sottosuolo” le cose si fanno serie, una sorta di dichiarazione di intenti. La successiva “Dal Limbo” spariglia le carte in tavola con il suo sapore quasi dark! “Raptus”, per esempio, è un brano ricco di groove sentattiano, l’allucinata “Guardiano Della Soglia” in qualche modo mi ha ricordato gli Alice In Chains di Dirt, non tanto per le sonorità quanto per il senso di claustrofobia che si prova durante l’ascolto! “Jesod” è il trip finale, arabeggiante e lisergico! Un disco vario, mai banale. La speranza è che questo non rimanga un capitolo isolato nella carriera di questi artisti, ma che rappresenti il primo album di una lunga serie!
Voto: 8,5/10
g.f.cassatella

Contact
www.bloodrockrecords.com
www.blackwidow.it
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild