Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Tim Ripper Owens
:: Tim Ripper Owens - Play My Game - (SPV – 2009)
Il disco che non ti aspetti. Tim Ripper Owens, come l’amante scaricata dal marito pentito che torna dalla moglie (a lui è capito ben due volte, con Judas Priest e Iced Earth, di indossare questi panni), ha chiamato tutta una serie di amici per ricominciare da zero. Ognuno poi ha gli amici che si merita e quelli di Mr Owens rispondono a nomi illustri: Doug Aldrich (White Snake), Chris Caffery (Savatage), Rudy Sarzo (Ozzy), Billy Sheehan (Mr Big), Jeff Loomis (Nevermore), Bob Kulic (Kiss) e Dave Ellefson (Megadeath). L’elenco di qui sopra è parziale, ma credo esaustivo per capire quali personaggi sono coinvolti in questo primo album solista del cantante statunitense. Ma parlavo di un disco che non ti aspetti, e non mi riferivo certo alla caterva di personaggi, ma ai contenuti strettamente musicali. Il buon Tim ha mostrato doti notevoli di songwriter, ma soprattutto è stato capace di non cadere nel giochetto di imitare i propri ex compagni più illustri. Niente Iced Earth o Judas in Paly My Games, ma tanto Black Sabbath epoca Dio. Per chi come me si sta riprendendo dalla sbornia di piacere derivante dall’ascolto di The Devil You Know (ultima fatica degli Heaven & Hell), PMG risulta una piacevole prosecuzione di sensazioni positive. Finalmente libero da ogni gabbai stilistica preparata da lui dai compositori delle sue band precedenti, Ripper sfodera a sua migliore prestazione vocale, e in alcuni momenti ricorda Dio (il cantante, non il nostro presidente del consiglio). Che dire? I riff grassi, lenti e potenti di “To Live Again” (il mio brano preferito con “Believe”), “Starting Over” e “No Good Goodbyes” (tanto Alice In Chains) sono una vera e propria goduria per i fan del Sabba Nero. Certo qui è là qualche traccia di falsetto alla Halford compare, e qualche accenno ai Judas c’è (“The Cover Up” e “Death Race”), ma siccome non stiamo parlando degli ultimi arrivati, queste iniezioni non abbassano la qualità dell’album. Non abbiate paura dello Squartatore, giocate pure al suo gioco.
Voto: 8/10
g.f.cassatella

Contact
www.timripperowens.com
www.myspace.com/timtheripperowens
www.spv.de
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild