Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - The Order Of Apollyon
:: The Order Of Apollyon - The Flesh - (Listenable – 2010)
The Flesh è il titolo del primo lavoro di un nuovo progetto, The Order Of Apollyon, messo su da Daniel Wilding (batteria) a B.S.T. (voce) degli Aborted. In comune con la band madre i TOOA hanno l’etichetta, ma non il genere. Le sonorità sono più black metal oriented. Quindi scordatevi gli estremismi musicali a base di gore e brutal. Non a caso a far compagnia ai due nella stesura dell’album son stati chiamati il chitarrista James McIlroy (Cradle Of Filth) e il bassista Peter Benjamin (Akercocke). Non a caso perché il sound di The Flesh è molto più simile a quello delle band di questi ultimi due: un black metal sinfonico-orrorifico. Tralasciando la filosofia satanista spicciola che ispira i testi, concentriamoci sulla musica. Nella biografia della band si parla apertamente di tributo alla vecchia scena black ’80-’90. Onestamente della prima non c’è traccia, delle seconda qualcosa sì, se si intende come anni novanta la seconda metà. Il sound infatti è quello che ha imperversato all’indomani del boom di band quali Dimmu Borgir e Cradle Of Filth, manca anche quello spirito dandy e fuori dalle righe che hanno fatto degli Ackercocke una creatura particolare dell’universo black. L’assenza di tastiere rende The Flesh più crudo rispetto ai lavori delle band citate prima, però questo non inganni: la produzione curata rende quanto suonato più pulito e ascoltabile di quanto non fossero i lavori di Bathory e Dark Throne (due nomi a caso della scena black degli anni ottanta e novanta). Volendo fare un ultimo paragone, si potrebbe tirar fuori la scena greca con i Rotting Christ in primis. Però, mi si permetta, gli ellenici avevano (hanno) una classe superiore e un flavoir mediterraneo che ha reso grandiosi i loro album. Né bocciati né promossi. Rimandati a settembre? Naaa, tanto ormai non esiste neanche più il vecchio spauracchio della “rimondatura”…
Voto: 6/10
g.f.cassatella

Contact
www.myspace.com/templeofapollyon
www.listenable.net
<<< indietro


   
Venom Inc.
"Avé"
Raging Fate
"Gods of Terror"
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild