Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - The Lou Gramm Band
:: The Lou Gramm Band - The Lou Gramm Band - (Frontiers Records – 2009)
Lou Gramm è un personaggio che non alcun bisogno di presentazioni nella maniera più assoluta. Il timbro della sua voce resterà per sempre legato alle canzoni dei Foreigner, particolare di non poco conto, perché la sua voce ha reso quei brani assolutamente unici. Il ritorno di Lou Gramm sul mercato discografico era atteso da diverso tempo ed oggi per merito dell’etichetta nostrana Frontiers Records viene dato alle stampe il primo lavoro firmato “The Lou Gramm Band”, un progetto che vede coinvolti i due fratelli del buon Lou, Richard e Ben che si occupano rispettivamente del basso e della batteria, oltre a Don Mancuso alla chitarra ed Andy Koll alle tastiere. Musicalmente, Lou Gramm non si smentisce, restando ancorato al classico stile che lo ha reso famoso con i Foreigner, in una sorta di A.O.R. condito dai consueti connotati che compongo il rock melodico e l’hard rock di stampo prettamente americano. Andando dritti al sodo, “The Lou Gramm Band” è un disco più che eccellente, prodotto e suonato in maniera impeccabile, con l’ulteriore capacità di mostrarci un Lou Gramm in uno stato di grazia assoluta. Si parte con “Baptized By Fire”, song che decolla in modo armonico, adagiandosi su una melodia leggiadra, estatica, dai connotati attraenti ed accattivanti, “Made To Be Broken” a seguire, sterza verso uno stile più energico e robusto, ma sempre molto ruffiano, con un pregevole lavoro delle tastiere determinante in più d’un frangente, “Willing To Forgive” mostra la dimensione più intensa ed ispirata della musica firmata da Lou Gramm, in un brano dove le chitarre donano un notevole contributo, “That\'s The Way God Planned It” invece, si assesta su ritmi essenzialmente lenti, districandosi tra partiture poetiche e toni dalla forte componente emozionale. “(I Just Wanna) Testify” è una canzone frizzante, dove si recupera uno stile ed un sound particolarmente datato, “So Great” è in assoluto il momento più rappresentativo del disco, maestoso e possente, in chiaro stile Foreigner, mentre “Redeemer”, giova di fraseggi incisivi e particolarmente ruvidi a differenza di “Single Vision”, brano versatile e variegato nello stile e nella dinamica. “Rattle Yer Bones” denota una voglia di evolversi senza mai rinnegare il proprio passato, “You Saved Me” infine, è una canzone molto profonda, capace di racchiudere l’essenza della musica di Lou Gramm. In conclusione, senza giri tortuosi di parole, se amate questo genere, fate vostro questo disco.
Voto: 8/10
Maurizio Mazzarella

Contact
www.lougramm.com
www.frontiers.it
<<< indietro


   
Le Jardin Des Bruits
"Assoluzione"
Fragore
"Asylum"
Dark Ages
"A Closer Look"
Ananda Mida
"Anodnatius"
Ars Divina
"Atto Primo"
Time Lurker
"Time Lurker"
Anno Senza Estate
"MMXVII"
Face Down Hero
"False Evidence Appearing Real"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild