Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - The Foreshadowing
:: The Foreshadowing - Days Of Nothing - (Candlelight - 2007)
L’idea che sta dietro ai The Foreshadowing risale al 1997, ma in realtà il primo nucleo della band si forma solo nel 1999. Inizialmente, il gruppo era un trio formato da Alessandro Pace (aka Alex Vega, Spiritual Front ed ex Klimt 1918), Andrea Chiodetti (chitarrista dei Grimness ed ex Spiritual Front) e Sosto (ex tastierista del Spiritual Front e session per i Klimt 1918). Solo nel 2006 viene raggiunta la line-up attuale con l’ingresso di Jonah Padella (batterista dei Grimness), Davide Pesola (Klimt 1918) e Marco Benevento (cantante degli How Like A Winter). La musica proposta da questo sestetto è un gotich-doom alla Katatonia, My Dying Bride e Anathema. Nulla di nuovo sotto al sole, ma comunque un bel lavoro, specie se si considera che è un esordio (anche se i sei non sono proprio alle prime armi). Pezzi quali “Cold Waste”, “The Wandering”, “Eschaton” e la finale “Into The Lips Of The Earth” faranno la gioia degli amanti dei gruppi su citati. I pezzi non sono mai aggressivi e la voce è sempre pulita, ma nonostante ciò si traspira sempre un’atmosfera tesa e drammatica. I temi trattati sono quelli relativi alle miserie della vita quotidiana. Un nota di merito, in fine, va alla stupenda copertina di Seth Siro Anton (Paradise Lost e Rotting Christ).

Voto 6.5/10

g.f.cassatella

Contact
www.theforeshadowing.com
www.myspace.com/theforeshadowing
:: The Foreshadowing - Oionos - (Cyclone Empire/Sure Shot Worx – 2010)
Gradito ritorno della superband romana The Foreshadowing che, dopo il grande successo riscontrato dal loro debutto “Days Of Nothing”, ci presenta “Oionos” un’altra perla oscura e sofferente composta da loro. L’orientamento della band non è affatto cambiato, l’unica cosa ad essere cambiato nel loro songwriting è l’atmosfera, sempre più cupa e che richiama alla mente in vari punti il funeral doom dei maestri Esoteric. I brani riescono immediatamente a trasportare chi ascolta nel viaggio introspettivo e triste che l’act propone. Abbandonate l’idea che tutto il doom metal sia un genere piuttosto facile da comporre e che i brani vengono fuori dal ripetersi fino all’infinito di un unico riff, perché questi ragazzi (sarà stato anche molto importante che i membri derivino da generi diversi) compongono musica complessa e soprattutto che non soffre di mancanza di idee. E questo lo si può notare immediatamente dall’effetto affascinante di ogni singolo brano dell’opera (ottima è anche la cover di “Russians” di Sting che si adatta molto bene all’intero stile del cd). Insomma un ottimo lavoro per i fan di Katatonia e Novembre.
Voto: 8/10
Pax (Antonluigi Pecchia)

Contact
www.myspace.com/theforeshadowing
<<< indietro


   
Grimgotts
"Lions of the Sea"
Detest
"The End of All Ends"
Vessel of Light
"Vessel of Light"
The Kinn-ocks
"The Kinn-ocks"
Black Hole
"Evil In The Dark"
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2017
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild