Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - The Famili
:: The Famili - Neonoir - Live Tribe Music
Esattamente a distanza di un anno, ci ritroviamo a parlare dei The Famili, compagine ligure giunta al secondo capitolo discografico. Diciamo subito che la formazione non ha subito variazioni rispetto all’album di debutto e che si avvale quindi dei tre quarti di quello che sono i Sadist freschi di reunion, mentre questo nuovo Neonoir non fa altro che confermare ed evidenziare ancor di più quelle che sono le coordinate del gruppo, e cioè proporre un “wall of sound” tecnico e geniale, sicuramente moderno contornato da velati scenari horror quasi dissonanti, ma che sicuramente conferiscono all’album una certa interessante dose di “malsana follia”. Nonostante tali premesse e senza voler in alcun modo sminuire l’indiscussa buona qualità del disco e le notevoli doti dei musicisti coinvolti, in un giudizio globale, forse ci si poteva e doveva attendersi un qualcosa di più, perché se le potenzialità sono consistenti, in questo Neonoir sembra proprio che esse non vengano sfruttate appieno per poterne rimanere assolutamente sorpresi.

R
:: The Famili - s/t - New Lm Records/Masterpiece Distribution
La novità, quest\'anno, arriva dai vicini boschi Liguri... Trevor e la sua combriccola di taglialegna hanno dato vita ad un concept incentrato sul folle ed intricato mondo dei serial killers dove le oscure ed inquietanti atmosfere create con la giusta ricercatezza e la nitida volontà di portare l\'ascoltatore sulla soglia del raptus omicida ci accompagnano lungo un viaggio composto da 13 tracce.
Un album dinamico e potente, accompagnato da una produzione perfetta dove nessun elemento resta poco valorizzato.
In quasi tutte le tracce le chitarre si limitano a riffing originali e ritmiche pesanti lasciando più spazio alla valenza sonora e non ha tecnicismi che ormai saturano la scena, ciò nonostante anche Tommy si concede qualche solo dove sottolinea l\'originalità del progetto nel quale, come nei SADIST, non si è limitato alle chitarre concependo, anche, tutte le linee di tastiera e synth che come già detto esaltano lo psicotico messaggio del concept. La sezione ritmica è ineccepibile. Precisa e compatta, mai offuscata dal resto con frequenti stop & go e viva parte della composizione; Questi gli aggettivi giusti per tutto ciò che concerne drum and bass.
Le linee volcali sono la cigliegina sulla torta di questo squisito album. Uno scream misto a parti melodiche cattive e scheggiate atte a sottolineare i vari stati mentali dei soggetti protagonisti delle tracks, insomma un album che ha colto pienamente nel segno.
Per concludere mi basti ricordare che comunque si tratta di un disco dalla chiara impronta moderna e che per questo va inquadrato con un ottica aperta e distaccata da tutto ciò di cui la scena estrema è già colma.
Un ottimo lavoro da consumarsi preferibilmente nel lettore CD!
<<< indietro


   
Heir
"Au Peuple De L’Abìme"
Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand
"What Makes You Pray"
Fire Strike
"Slaves of Fate"
Aliante
"Forme Libere"
Unreal Terror
"The New Chapter"
Vetriolica
"Dichiarazione D’odio"
Stereo Nasty
"Twisting the Blade"
Kal-El
"Astrodoomeda"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild