Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - The Black Rook
:: The Black Rook - The Black Rook - (Autoprodotto - 2013)
Per citare indirettamente il buon Antonio Abate, io quando sento odore di zolfo non riesco a resistere. E di odore di cavità infernali ne ho sentito un bel po’, all’ascolto dell’omonimo disco dei brasiliani The Black Rook: la band (praticamente un duo con Flavio Senra dietro il microfono e Rubens Lessa ad occuparsi di chitarre, basso e tastiere, più un turnista dietro le pelli) ha sin dalla nascita le idee molto chiare sulla direzione da intraprendere, puro heavy metal con influenze che vanno dai Black Sabbath degli anni ‘80 all’epic statunitense, passando per il doom nordeuropeo. Verso quest’ultimo riferimento corre l’orecchio in occasione di “Checkmate”, opener dalla velocità sostenuta, costruita sulla falsariga dei Candlemass di “Chapter VI” o del disco omonimo del 2005, con lievi richiami proprio a “Black Dwarf”. È la volta dell’incedere schiacciasassi della title-track, con un cipiglio più moderno e groovy, senza comunque perder di vista il classico HM epico di riferimento, sottolineato anche dalla metafora della Torre Nera (nel senso di pezzo degli scacchi…). In sostanza, un buon disco di debutto, che ha tra gli altri punti di pregio il gusto melodico di “Forget My Name” (nello stile dei connazionali Shadowside) e il roccioso inno defender “Heart Of Steel”, pur non essendo esente da qualche incertezza in fase compositiva, evidenziata su “I Am” e “Temptation (will bring me down)”. Per concludere, un plauso alla band per la lisergica ed ipnotica versione di “Waiting For The Sun” dei Doors, davvero ottima nella sua opera di personalizzazione del classico della band di Morrison, la cui essenza si imprime nelle orecchie dell’ascoltatore alla stregua di un vero e proprio deja-vu. È un peccato che non sia stata inclusa nel disco di debutto, ed è anche per questo che speriamo in un secondo album che confermi le ottime potenzialità già espresse in occasione di “The Black Rook”!
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact
www.facebook.com/theblackrook
<<< indietro


   
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"
Night Demon
"Darkness Remains"
Au-Dessus
"End of Chapter"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild