Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Syncromind Project
:: Syncromind Project - Second - (Autoprodotto - 2015)
Finalmente! Follow up per questo progetto di ottimo Prog e Rock Metal. Il progetto nasce in Germania dal chitarrista, bassista e compositore italiano Enzo Ferrara e dal batterista, tastierista e compositore polacco Vito Lis (responsabile anche della produzione, del missaggio e dell’artwork del disco); su Raw & Wild li avevamo già apprezzati con il debutto “Syncronized”, un disco di buona qualità e con le chiare influenze di Liquid Tension Experiment, Planet X, Joe Satriani, Tony Malcapine, Neil Peart… Effettivamente, già dalle prime note di “Second”, si riconosce la tecnica e lo stile di questo progetto, che non nasconde nemmeno l’amore per i Dream Theater (e si percepisce dalla prima traccia – “Strong Principle” – davvero un bel brano). E come non complimentarsi per l’interessante lavoro svolto dal chitarrista, che abbina intelligentemente riff, melodie, assoli e fraseggi? Passiamo avanti, perché di diversa pasta abbiamo “Somobody’s Hero” che come un camaleonte cambia colore ed atmosfere… vi invito ad ascoltarla per intero (ottimo pezzo)! Il mio invito è sostanzialmente ad ascoltare tutto il disco, per percepire e godere dei suoni e delle idee che questo duo ci ha nuovamente regalato; considerando che anche questa volta il disco è scaricabile gratuitamente dal sito della band, si può dire da tutti i punti di vista che ci regalano questo biglietto per un viaggio fatto di ottima musica. Se paragoniamo “Second” a “Syncronized” dobbiamo congratularci con il duo, perché ha fatto davvero un passo in avanti; l’evoluzione c’è, è si sente, portando il progetto a distaccarsi dalle band citate in precedenza (senza rinnegarle) e senza trascurare mai sia la produzione che le strutture degli otto brani. Una ultima curiosità: il processo di masterizzazione è stato effettuato presso gli Abbey Road Studios di Londra… niente male. E nonostante ciò, la band (come dicevo poche righe fa) ha messo l’intero album gratis in formato MP3 o FLAC sul proprio sito: www.syncromind-project.com: approfittatene, e se potete donate qualche euro a questi ‘bravi’ ragazzi, nella speranza di ri-ascoltarli presto! Certo, un intero disco interamente strumentale non è per tutti, ma ve lo consiglio lo stesso, perché questo duo ha ottime idee che non ci annoiano mai. Bella anche la copertina, che conferisce fascino a questo disco. Complimenti davvero, bravissimo Enzo, bravissimo Vito – alla prossima!
Voto: 8/10
Giovanni Clemente

Contact
www.syncromind-project.com
:: Syncromind Project - Syncronized - (Autoprodotto - 2011)
Cosa ci fanno un italiano e un polacco in Germania? No, non è l’inizio di una barzelletta… perché questo è un progetto musicale, ed esiste realmente! Infatti, il progetto Syncromind prende forma dalle idee di Enzo Ferrara (l’italiano), chitarrista, bassista e compositore, e di Vito Lis (il polacco), batterista, tastierista, tecnico, produttore… sono ufficialmente operativi dal 2009, ma l’idea del progetto risale al 2006. “Syncronized” è il debutto discografico del duo, che dimostrano di avere le carte in regola per farsi apprezzare da un pubblico variegato alla ricerca di sonorità innovative e fuori dai soliti schemi, partendo da un’impostazione heavy-oriented; l’album è interamente strumentale, supportato da strutture ritmiche solide e multiforme e con le chitarre potenti ed eleganti allo stesso tempo. I Syncromind sono influenzati soprattutto da band e musicisti che spaziano dal progressive rock/metal e dal fusion; in particolare, la band cita Liquid Tension Experiment, Planet X, Joe Satriani, Tony Malcapine, Neil Peart… Confermo le influenze fusion nel loro mondo progressive rock/metal e anche se in alcune parti mi hanno ricordato i Liquid Tension Experiment, vi garantisco che la band ci offre un disco ben suonato; il duo è consapevole di suonare un genere elaborato e forse non per tutti, ma capace (con le otto tracce strumentali di “Syncronized”) di non annoiare. Amanti delle sonorità “progressive” fatevi sotto! Vi informo che potete trovare il disco in download (gratuito) sul sito www.syncromind-project.com, oppure contattare la band per avere un’edizione limitata di “Syncronized” (con pochi euro)… magnifico, no? Io aspetto un nuovo lavoro di questo interessante progetto.
Voto: 7,5/10
Giovanni Clemente

Contact:
www.syncromind-project.com
syncronize@syncromind-project.com
<<< indietro


   
I Sileni
"Rubbish"
Prong
"Zero Days"
Paradise Lost
"Medusa"
Straight Opposition
"The Fury From The Coast"
Blind Guardian
"Live Beyond The Spheres"
Mother Nature
"Double Deal"
Numenor
"Chronicles From The Realm Beyond"
Beny Conte
"Il ferro e le muse"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild