Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Sunterra
:: Sunterra - Reborn - (NRT Records - 2017)
Sotto il segno della dea Iside in Egitto, la band austriaca Sunterra celebra la reunion dopo ben 10 anni di assenza dalla scena. “Reborn” segna la conclusione logica e la resurrezione della band, in una nuova progressione musicale senza però dimenticare le proprie radici; infatti la band combina industrial metal, gothic ed electro mescolato con una sorta di Dubstep, cercando un suono distintivo e personale! Nell’estate del 2006 la band aveva deciso di prendersi una pausa per un periodo incerto, e nel dicembre dello stesso anno Sunterra suonarono il loro ultimo concerto davanti ad un locale tutto esaurito a Vienna. Poi, nel 2015 gli austriaci annunciavano (sulla loro pagina Facebook) di essere al lavoro su nuovo materiale; così firmano un contratto con l’etichetta indipendente tedesca NRT Records (il disco sarà rilasciato il 20/01/2017). La copertina è molto scarna e sempliciotta… ma andiamo ad ascoltare “Reborn”! L’album è composto da sei brani e aprire le danze spetta a “Reign Supreme”, che parte subito con il mix (già accennato) di Industrial e Gothic Metal, e con la doppia voce, maschile (growl) e femminile (clean) – un brano non brillante, ma abbastanza ‘orecchiabile’ (grazie alle parti elettroniche e la voce femminile). A seguire troviamo “Shadows in the Dark”, che inizia con il piano, per introdurre la voce femminile, il flauto e un sottofondo elettronico – per poi tramutarsi in metallo, grazie (anche) all’ingresso delle chitarre e del growl (onestamente, questo è il brano che mi è piaciuto di più!). Scorrendo il lettore, passiamo a “This is W.A.R.”, un brano troppo danzereccio – per l’uso dell’elettronica (ascoltare per credere) – nella parte introduttiva; poi si alterna tra metallo e richiami danzerecci (questo utilizzo di elettronica mi ricorda tanto i brani da discoteca che si ascoltavano tra le giostre del paese)… Insomma! Posso dire che anche le altre canzoni sono più o meno così; sempre alternando l’elettronica al metallo, nonché le due voci – soluzione non sempre efficace… e onestamente, non credo che abbiano osato molto, sembra il classico compitino svolto per la sufficienza, senza sforzarsi più di tanto. Infatti, “Reborn” non mi ha convinto al 100% e prenderà (dal sottoscritto) una risicata sufficienza.
Voto: 6/10
Giovanni Clemente

Contact
www.sunterra.at
www.facebook.com/sunterra.home
<<< indietro


   
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"
Salmagündi
"Life O Braen"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild