Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Sunterra
:: Sunterra - Reborn - (NRT Records - 2017)
Sotto il segno della dea Iside in Egitto, la band austriaca Sunterra celebra la reunion dopo ben 10 anni di assenza dalla scena. “Reborn” segna la conclusione logica e la resurrezione della band, in una nuova progressione musicale senza però dimenticare le proprie radici; infatti la band combina industrial metal, gothic ed electro mescolato con una sorta di Dubstep, cercando un suono distintivo e personale! Nell’estate del 2006 la band aveva deciso di prendersi una pausa per un periodo incerto, e nel dicembre dello stesso anno Sunterra suonarono il loro ultimo concerto davanti ad un locale tutto esaurito a Vienna. Poi, nel 2015 gli austriaci annunciavano (sulla loro pagina Facebook) di essere al lavoro su nuovo materiale; così firmano un contratto con l’etichetta indipendente tedesca NRT Records (il disco sarà rilasciato il 20/01/2017). La copertina è molto scarna e sempliciotta… ma andiamo ad ascoltare “Reborn”! L’album è composto da sei brani e aprire le danze spetta a “Reign Supreme”, che parte subito con il mix (già accennato) di Industrial e Gothic Metal, e con la doppia voce, maschile (growl) e femminile (clean) – un brano non brillante, ma abbastanza ‘orecchiabile’ (grazie alle parti elettroniche e la voce femminile). A seguire troviamo “Shadows in the Dark”, che inizia con il piano, per introdurre la voce femminile, il flauto e un sottofondo elettronico – per poi tramutarsi in metallo, grazie (anche) all’ingresso delle chitarre e del growl (onestamente, questo è il brano che mi è piaciuto di più!). Scorrendo il lettore, passiamo a “This is W.A.R.”, un brano troppo danzereccio – per l’uso dell’elettronica (ascoltare per credere) – nella parte introduttiva; poi si alterna tra metallo e richiami danzerecci (questo utilizzo di elettronica mi ricorda tanto i brani da discoteca che si ascoltavano tra le giostre del paese)… Insomma! Posso dire che anche le altre canzoni sono più o meno così; sempre alternando l’elettronica al metallo, nonché le due voci – soluzione non sempre efficace… e onestamente, non credo che abbiano osato molto, sembra il classico compitino svolto per la sufficienza, senza sforzarsi più di tanto. Infatti, “Reborn” non mi ha convinto al 100% e prenderà (dal sottoscritto) una risicata sufficienza.
Voto: 6/10
Giovanni Clemente

Contact
www.sunterra.at
www.facebook.com/sunterra.home
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild