Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Strikelight
:: Strikelight - Strikelight - (Autoprodotto - 2005)
Da qualche anno a questa parte, anche la terra di Omero, oltre ad esportare poeti, olive e guerrieri, esporta anche gruppi metal di una certa elevatura ma anche di diversa estrazione stilistica. C’è per tutti i gusti, dal brutal al neoclassico. Questi simpatici Strikelight, già al primo ascolto mi hanno portato a rispolverare la mia preziosissima copia vinile di “Walls of Jericho” dei grandissimi Helloween, che insieme a band come Samson, Iron Maiden, Angelwithch e gli immancabili Saxon, hanno dato forma e colore a quel grandissimo momento musicale di cui, ancora oggi, molte band sonodebitrici: la NWOBHM (non sfato l’acronimo, perché da bravi metallari, potrete capirlo da voi).
Questi Strikelight, si e ci regalano, un magico tuffo nel passato, a quanti come noi, scartano le imitazioni e vivono a pane e metal targato rigorosamente ’80 e qualcosa dei ’90. Si tratta di un album di sano, regolare e stereotipato heavy metal, estremamente armonizzato come vuole la tradizione e direi più legato alla tradizione teutonica che britannica. Infatti vi è da dire che, benché gli Helloween e gli Iron Maiden siano più o meno ascrivibili nello stesso genere, presentano delle diversità evidenti. Gli Helloween risultano più serrati degli Iron, dato che, questi ultimi, si ricollegano all’hard rock britannico più integerrimo derivato dai Deep Purple e co. A buon intenditor gli Helloween creano, dalla fusione del thrash e del heavy metal, il power metal, che oggi vanta numerose imitazioni; buone e meno buone.
Nella ballad “Undying love”, nella parte più “raccolta” e calma della track, il cantato, che risulta essere un po’ la spina la nel fianco della band, ricorda quello fanciullesco del blasonatissimo Paul diAnno. Per il resto, mi sembra pleonastico affermare che, tutto l’album mi sembra un enorme tributo agli Helloween prima maniera (basti sentire l’intro di “Final Fight”).
In generale ci troviamo di fronte ad un album senza infamia e sensa lode. Come si fa a votare un prodotto così già sentito e strasentito? Questa non è una critica negativa attenzione. Come si potrebbe fare un demo o un album di classic metal senza tributare, volontariamente o involontariamente le band su citate? Gli schemi e i maestri sono la.
Roba per noi, veri defenders oltranzisti degli anni’80. C’è da rallegrarsi se le nuove leve continuano a tributare quel magico momento storico a cui tutti i metallari erano, sono e saranno sempre legati.

MURNAU
<<< indietro


   
Gravesite
"Neverending Trail Of Skulls"
Accept
"The Rise Of Chaos"
Thunder Godzilla
"Thunder Godzilla"
Circus Nebula
"Circus Nebula"
Buffalo Grillz
"Martin Burger King"
Monnalisa
"In Principio"
Overkhaos
"Beware Of Truth"
Antonio Giorgio
"Golden Metal - The Quest For The Inner Glory"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild