Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Stormlord
:: Stormlord - Far - (Scarlet Records - 2019)
I nostrani Stormlord sono pronti a sbarcare di nuovo sulla nostra penisola dopo sei anni di silenzio, con il loro nuovo album “Far”, alfieri di quell’extreme epic metal fatto di glorioso, puro e atmosferico sapore ferroso tra spade, lava incandescente e pittogrammi medievali di barbariche visioni. Splendida la copertina, autrice la famosa artista ungherese Gyula Havancsak (Destruction, Annihilator), splendida la produzione perfetta di Giuseppe Orlando (Novembre) e Riccardo Studer, splendida la musica, splendido tutto.
Veloci e aggressivi, atmosfere epiche e solenni, con quelle che probabilmente sono le migliori orchestrazioni mai concepite dal combo italiano. Per chi ama alla follia Amon Amarth, Behemoth e At The Gates, gli Stormlord sono la risposta italiana, riuscendo peraltro a unire tutti questi gruppi in uno solo.
Testi lirici che vanno dalle tradizioni dei popoli del Mediterraneo alla storia mai dimenticata dell’antico Impero Romano, senza tralasciare l’omaggio all’iconico personaggio di Conan il Barbaro con la canzone-capolavoro “Cimmeria”. Il singolo apripista “Leviathan” è un’autentica epica musicale/lirica che descrive varie leggende dei popoli mediterranei e che trasmette la sua precisione death metal in “Mediterranea”. La title track “Far” è così solenne che potrebbe diventare un inno nazionale, in “Shereden” si sente come l’unicità del gruppo si unisce alla modernità del black metal, avventurandosi anche nelle clean vocals. Ovviamente il growl del mitico Cristiano Borchi (tutti i componenti del gruppo sono una spanna superiore alla media nazionale e mondiale) la fa sempre da padrone fondendo brutalità, cupezza e incisività come in “Cimmeria”. Passaggi chitarristici anch’essi sopra la media in un intreccio di riffing e partiture soliste eccellenti, degni dei capi scuola, sempre alla ricerca di un’originalità efficace e sorprendente come nelle song “Invictus” o “Romulus”. La penultima canzone del lotto (Vacuna) è forse la più debole, o meglio la più ordinaria, mentre l’ultima “Levante” sorprende ancora per la sua maestosa versatilità con cori da colonna sonora e riff così compatti che sembra di stare in un cerchio sabbatico condividendovi il sapore antico della terra mediterranea. In definitiva, un gruppo fondamentale in questo contesto musicale, imprescindibile anche per chi fosse votato ad alte sonorità perché qui vi è talento, purezza lirica, e quell’originalità trionfante e solenne ancora una volta dimostrata dagli Stormlord.
Voto: 8/10
Daniele Mugnai

Contact
www.facebook.com/stormlordband
www.stormlord.net
:: Stormlord - Mare Nostrum - (Locomotive Rec/Frontiers – 2008)
17 anni di carriera per gli Stormlord, racchiusi nel greatest hits “The Legacy Of Medusa – 17 Years Of Extreme Epic Metal”, sono serviti alla band per giungere ad una maturazione decisiva.
Lo si intuisce già dalle prime note di questo album con le sue bellissime melodie (ottimamente orchestrate) e soprattutto, come la band ci aveva già anticipato, c’è un ritorno a melodie decisamente epic (aspetto che nelle loro ultime produzioni era presente un po’ meno).
Oltre ciò, tra i brani si riscontrano innumerevoli influenze, tra cui in maggiore rilievo sono: il gothic che lo si ritrova soprattutto in “Neon Karma” e il black sinfonico di chiara matrice Anorexia Nervosa riscontrabile nel violentissimo “Emet”.
Tutto risulta essere di alto livello, ottima la produzione capace di dare la giusta potenza a questo lavoro decisamente completo e che potrà essere ascoltato innumerevoli volte e che mai annoierà.
Ottimo album questo “Mare Nostrum”, a mio parere il migliore che gli Stormlord abbiano sfornato fino ad ora, prodotto che sicuramente riuscirà a tener testa le ultime produzioni mondiali del genere.
Un prodotto che tutti gli amanti del metal estremo dovranno avere!
Voto: 8.5/10
Pax (Antonluigi Pecchia)

Contact:
www.stormlord.net
www.myspace.com/stormlordband
<<< indietro


   
Twelve Back Stones
"Becoming"
Carnifex
"World War X"
Blazon Stone
"Hymns of Triumph and Death"
Uncledog
"Passion / Obsession"
La Janara
"Tenebra"
Tomorrow’s Outlook
"A Voice Unheard"
Darkthrone
"Old Star"
Supercanifradiciadespiaredosi
"Geni compresi"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   


Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2018
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info


admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Privacy | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild