Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - South Symphony
:: South Symphony - Future - (Autoprodotto - 2011)
Quando il frenetico vorticare di una passione comune incontra la necessità di fuggire dall’ingloriosa disillusione suggerita dalla realtà, può accadere che nonostante le peggiori burrasche, sei grandi amici riescano a navigare sulle stesse onde, facendo del proprio entusiasmo un baluardo da innalzare con orgoglio. Proprio così, a dicembre del 2008, sono nati i nostri South Symphony, inizia così la bio presente sul myspace di questi ragazzi provenienti da Foggia e in questo 2011 si propongono con il loro disco di esordio: Future completamente autoprodotto, registrato al Pratola Folk Studios.
Siamo al cospetto di cinque pezzi di Folk Rock, Folk Metal fate voi, di sicuro sentiremo molto presto parlare di questi sei miei paesani e ascoltando Future capirete il perché.
Si inizia col brano A Flash In The Sky con un ritornello che subito rimane impresso nella mente e una melodia molto dolce trascinata dalla voce della singer Gabriella Fiore, un ottimo inizio che prosegue con la successiva I Met Someone, con chitarre più massicce, un pezzo che si distacca leggermente dal folk se non per la presenza del darbouka suonato per l’occasione da Aldo grillo.
Moon Song la terza traccia è la vera perla del disco, introdotta dal suono del dulcimer e con il violino in bella mostra è da considerarsi una vera folk song sulla scia degli Eluveitie, bella, trascinante, di più non saprei dire, preferisco che la ascoltiate per farvi un giudizio personale.
Dopo Moon Song si passa al brano più spinto e diretto, ovvero la titletrack Future, sulla scia della precedente, ma con riffs di chitarra più devoti al metal, e sebbene il pezzo è molto bello, devo fare un appunto ai ragazzi, mi è sembrato di sentire le chitarre un tantino impastate, non lo considero un rimprovero in quanto siamo al cospetto di un debutto, solo un consiglio per il futuro di migliorare sotto il punto di vista della produzione in studio.
A concludere, troviamo una ballad Winter Night che chiude in modo positivo l’intero Future quasi la definirei la quiete dopo la tempesta.
Ben fatto ragazzi!Complimenti per questo inizio in grande stile, migliorando in alcune cose col tempo e l’esperienza i South Symphony potrebbero dare molto alla Puglia e al Sud in generale a suon di Folk!
Voto: 7/10
Antonio De Rosa

Contact
www.myspace.com/southsymphony
<<< indietro


   
Rainbow Bridge
"Dirty Sunday"
The C. Zek Band
"Set You Free"
Buzzøøko
"Giza"
Carnera
"La Notte Della Repubblica"
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild