Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Sonic Daze
:: Sonic Daze - First Coming - (Autoprodotto - 2013)
Non è una novità imbattersi tra queste pagine virtuali in gruppi garage-punk che portano avanti la lezione del minimalismo sonoro unita a quell’irruenza iconoclasta che continua a mieter vittime ininterrottamente dal 1977. Dopo i The Bidons e il loro esplosivo debut, giungono sulla nostra scrivania questi Sonic Daze, e il passo dal Tirreno all’Adriatico risulta quanto meno indolore, dato che le due band condividono la stessa passione per un sound che è tra i figli più bastardi del primigenio rock’n’roll. Un passaggio tra le due sponde che si spiega anche con le origini campane del frontman Massimiliano Demata, la cui presenza in Puglia aggiunge un tassello in più alla schiera di quanti prediligono un sound più diretto, al contrario del taglio più “ricercato” a cui sono avvezzi i fenomeni alternativi della regione. I Sonic Daze vengono da una discreta gavetta live e, neanche a dirlo, “First Coming” è il loro debutto: sei pezzi che corrono come schegge, partendo dalle bordate secche di “Hear me calling” (con la voce di Massimiliano che richiama immediatamente la migliore tradizione psych’n’roll), attraverso il flavour punk marcatamente a stelle e strisce di “Amorality”, fino a giungere a “Come back tomorrow”, vicinissima ai Ramones e al suono East Coast, con un sagace contrappunto della sezione ritmica a tenere banco. Ciliegina sulla torta è la track più lunga del lotto, “So many colours”, una piccola gemma in cui i Sonic Daze assumono le sembianze dei Beatles a forti tinte psych/garage, senza dimenticare richiami ai canadesi Nomeansno per l’uso delle doppie voci.
Restano da menzionare la qualità piacevolmente retrò del suono, rigorosamente ottenuta con sistemi analogici, nonché il divertente artwork ad opera di Shawn Dickinson. Anche per quanto riguarda loro, l’auspicio è quello di riuscire a vederli dal vivo, magari in un festival beat/garage “dedicato”… ne sarà rimasto qualcuno in piedi?
Voto: 7,5/10
Francesco Faniello

Contact
sonicdaze.bandcamp.com
<<< indietro


   
The Doomsday Kingdom
"The Doomsday Kingdom"
Northway
"Small Things, True Love"
Kill Your Karma
"What Hides Behind The Sun"
L’Ira Del Baccano
"Paradox Hourglass"
Night Demon
"Darkness Remains"
Au-Dessus
"End of Chapter"
Downcast Twilight
"Under the Wings of the Aquila"
The Match
"Just Burn"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild