Raw & Wild - WebMagazine - News - Video - Vinci un CD al mese - Compilation gratuite - Interviste - Recensioni - Date concerti
Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube

Home Recensioni Seciali Live reports Download Contatti

   
   A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z - 0 - 1 - 2 - 3 - 4 - 6 - 7 - . - Í - Æ - '





Reviews - Solisia
:: Solisia - The film of my life - (Autoprodotto – 2007)
I Solisia sono una band della provincia di Matera, tenete ben in mente questa band che secondo me in futuro ce ne riserverà delle belle…
“The film of my life” è la prima demo che questa band sforna, formato da 4 brani (molto validi) tutti di stampo molto originale, presentando un sound in bilico tra il progressive metal e il power metal, creando così un sound nuovo, lontano dalle sonorità di band come Dream Theater e lontano anche dalle sonorità delle band power.
Inoltre la cantante ha un bel timbro vocale e tutti i componenti hanno una buona tecnica nel suonare.
Consigliato a tutti gli amanti del progressive, del power metal e a chi stanco delle solite sonorità vorrebbe ascoltare qualcosa di originale, tutti coloro che ho appena elencato con questa demo troveranno sicuramente “pane per i propri denti”.
Curiosità: in questo “The film of my life” c’è al basso come special guest Andrea Arcangeli, bassista della ottima band italiana progressive metal DGM.

Voto: 7

Pax (Antonluigi Pecchia)

Contact
www.solisia.eu
info@solisia.eu
:: Solisia - UniverSeasons - (Scarlet Records - 2012)
Secondo full length per la band lucana guidata dagli inossidabili fratelli Quinto. La novità di maggior rilievo rispetto al precedente “Ordinary Fate” è di sicuro l’avvicendamento dietro il microfono con l’ingresso di Elie Syrelia, dotatissima singer che padroneggia i vari linguaggi musicali impiegati dalla band, a partire dal classic/prog fino alle suggestioni goth presenti nei passaggi più oscuri, per giungere (perché no) a momenti più melodici. Per di più, è evidente il processo di maturazione intrapreso dalla band, che sforna un buon numero tracks di gran pregio dal punto di vista compositivo tra le undici presenti in “UniverSeasons”. Ribadiamo un concetto per i neofiti della band: non è che se una band ha una voce femminile, allora suona automaticamente gothic metal; un accostamento simile sarebbe alquanto riduttivo, benché (in misura assolutamente moderata) elementi di oscurità “gotica” siano presenti nel sound dei Solisia. Soprattutto, è il caleidoscopio Dream Theater (esso stesso contenitore di atmosfere oscure, nei vari processi evolutivi che hanno interessato la band di Long Island) ad essere chiamato in causa, soprattutto per le parti vocali dell’avvincente title-track, dominata dal timbro magnetico e potente di Elie, che non manca di tracciare percorsi eterei nel ritornello. La successiva “The guns fall silent” alza ancora il tiro, tingendosi di nero in modo consono ai maestri Symphony X. Eppure l’apice, a mio parere, si raggiunge con “Kiss the sky”, traccia dal sapore teatrale e cinematografico (non nel senso pomposo del termine caro a Turilli & Co!), con la singer che gioca con melodie essenziali ma ben mescolate; una malinconia che attrae l’ascoltatore, e condensa l’essenza di un brano che si mostra efficace già dal primo minuto. Sullo stesso schema si muove “Mind killer”, con in più un’alternanza di assoli che giunge a citare gli Slayer! Spazio è dato, com’è prevedibile, alle ballads del calibro di “Betrayed by faith” o “I lose myself”, in cui è ovviamente il piano di Wilson Di Geso a fare la parte del leone. Questione di gusti, ma personalmente preferisco il modern speed di “Dirty feelings” e “Symbiosis”, con spunti chitarristici molto vari e validissime aperture melodiche: un po’ l’ennesima summa della proposta musicale di una band che con coraggio porta avanti la propria proposta musicale nonostante un background geografico non facile, anche da un punto di vista logistico (ricordiamo che il bassista del combo è Andrea Arcangeli, anche nei romani DGM). Per questo, il massimo supporto nei confronti della validissima proposta dei Solisia non è solo un obbligo, è un dovere morale!
Voto: 8/10
Francesco Faniello

Contact:
www.facebook.com/solisia
www.solisia.eu
<<< indietro


   
Ancient Empire
"The Tower"
Destruction
"Thrash Anthems II"
Niamh
"Corax"
Death2Pigs
"eMpTyV"
The German Panzer
"Fatal Command"
Appice
"Sinister"
AA.VV.
"Live At Wacken 2015: 26 Years Louder Than Hell"
Salmagündi
"Life O Braen"

Archivio resensioni >>>




Raw & Wild TV   

This text will be replaced

Archivio video>>>



Interviste
Speciali
Live reports




Raw & Wild on Facebook Raw & Wild on YouTube


RAW & WILD 2000 / 2016 - P. IVA 03312160710
Ogni riproduzione anche parziale è vietata - Info

Powered by RWdesignstudio.net

admin   
Home | Recensioni | Interviste | Speciali | Download | Live reports | Contatti

La tua pubblicità su R&W
Collabora con Raw & Wild